Informativa sull'uso dei cookie

Parco di Villa il Ventaglio a Firenze: dopo 4 anni apre al pubblico l’intera area verde.

lago di villa il ventaglio

“Grazie per avere riaperto il parco: mi ricordo quando da giovane si saliva fino in cima alla collina”: l’anziano signore con il bastone si aggira tra giornalisti, fotografi e le istituzioni presenti, tra cui Stefano Casciu, direttore del Polo museale della Toscana e Alessia Bettini, assessore all’ambiente del Comune di Firenze.

E’ un giorno di festa per il quartiere di Campo di Marte a Firenze: dopo 4 anni è stato appena tagliato il nastro che sancisce ufficialmente la riaperta dell’intera area del parco di Villa Il Ventaglio. Cinque ettari di verde, situati a pochi passi dallo stadio Artemio Franchi, e noti soprattutto ai residenti della zona.

inaugurazione parco di villa il ventaglio

Eppure questo parco, oltre ad essere un importante polmone verde per Firenze, ha alle spalle una storia illustre, che lo rende meta degna di essere visitata anche da chi arriva da fuori città.

Progettato dall’architetto Giuseppe Poggi alla metà dell’Ottocento, il parco era la via di accesso monumentale a Villa Il Ventaglio, dimora della famiglia milanese degli Archinto e che svetta nella parte alta della collina. Come spiega Lorenzo Sbaraglio, direttore del Parco, durante il tour per la stampa, proprio qui Poggi, in collaborazione con il botanico Attilio Pucci, sperimentò l’idea di realizzare un percorso curvilineo, con affacci su Firenze, che avrebbe poi perfezionato nel progetto di viale dei Colli, la salita al piazzale Michelangelo.

Il parco di Villa il Ventaglio, definito “romantico” per il laghetto con ponte e isoletta che accoglie il visitatore all’ingresso, è caratterizzato dalla presenza di innumerevoli varietà di piante, molto usate nell’ottocento: dagli olmi, ai lecci, agli ippocastani, oltre a gelsi, rose e glicini.

veduta da parco di villa il ventaglio

Dopo l’acquisizione da parte dello Stato e il passaggio al Polo Museale della Toscana, il parco era stato chiuso nel 2014, a causa dell’impossibilità di reperire fondi per la sua manutenzione: era rimasta accessibile solo il pratone all’ingresso, grazie all’impegno dei 4 addetti alla vigilanza.

Oggi, con il restauro realizzato dalla ditta ‘Maurri Mario srl’ e finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze con la formula dell’art bonus per oltre 50.000 euro, il parco è nuovamente accessibile nella sua interezza. Un intervento che ne garantirà la vivibilità per un intero anno, al termine del quale, però, sarà necessario reperire fondi per la gestione. In questo, una mano potrebbe arrivare dal Comune di Firenze, presente oggi all’inaugurazione con l’assessore Alessia Bettini.

villa il ventaglio

L’area infatti è ideale non solo per fare passeggiare e rigenerare la mente ma anche come spazio per organizzare eventi pubblici, che potrebbero richiamare residenti e non solo, facendo vivere l’intera area. Un progetto che più avanti potrebbe prevedere anche il coinvolgimento della stessa Villa il Ventaglio, di proprietà del Demanio ma al momento abbandonata a se stessa.

Nel frattempo sono allo studio anche forme di collaborazione con associazioni private per consentire di garantire le aperture e il controllo dell’area: dagli Amici dei Musei all’alternanza scuola lavoro.

“Ci stiamo impegnando per permettere a tutti di poter usufruire gratuitamente di questo parco – conclude il direttore Lorenzo Sbaraglio – Al momento quello che ci preme è che torni ad essere un luogo frequentato dai cittadini: sarebbe il giusto riconoscimento del lavoro svolto dal nostro personale in questi anni”.

Il parco di Villa Il Ventaglio è ad ingresso gratuito, aperto tutti i giorni, tranne il lunedì, con differenti orari stagionali. Nei mesi di luglio e agosto è chiuso anche il giovedì.

Per informazioni clicca qui.

Condividi il post

Google1
Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 4 Giugno 2018. Filed under Cultura,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.