Archivi

Pistoia Blues 2012: inaugurazione al ritmo dei Subsonica

Pistoia – “Non saremo scuri di pelle ma vi assicuro che dentro siamo molto neri e molto blues”: così Samuel, cantante dei Subsonica ha salutato il pubblico del Pistoia Blues, nella serata di inaugurazione dell’edizione 2012.

La data è stata l’unica in Toscana per questo tour estivo della band torinese e ha richiamato a Pistoia circa 3500 persone, secondo gli organizzatori, per due ore di musica e adrenalina durante le quali sono state ripercorse alcune delle tappe principali della carriera dei Subs: insomma una versione più intima e meno scenografica del tour dello scorso inverno.

Il concerto è iniziato con la canonica mezz’ora di ritardo: le luci di Piazza Duomo si sono spente alle 22 in punto per lasciare la scena ai 5 ragazzi di Torino. Si comincia subito con “Ratto”, bellissimo pezzo scritto per racconatare chi è costretto ogni giorno a sopravvivere in una condizione di emarginato o clandestino e che oggi può assumere nuovi significati nell’attuale condizione economica dell’Italia (“l’unica ambizione che hai è stare in piedi, adesso”), per proseguire con la più recente “Veleno” e ancora un tuffo all’indietro con “Corpo a Corpo”.

Pistoia ci mette un po’ a scaldarsi, sembra quasi studiare questi piemontesi che si agitano sul palco ma poi si lascia conquistare: il pubblico è eterogeneo e se i più tranquilli seguono il concerto sulle gradinate, in piazza si scatena la festa.

Da “Liberi Tutti” a “L’ondata perfetta” a “Benzina Ogoshi” da “Istantanee” ad una canzone che da tempo mancava nella scaletta, “Sole silenzioso“: ad introdurla è Max Casacci, chitarrista del gruppo e anima impegnata della band: “E’ una canzone scritta dopo i fatti accaduti al G8 di Genova, che solo ora si cominciano a giudicare e valutare, scoprendo che in questo paese non esiste il reato di tortura”.

La seconda ora di concerto è quella più “movimentata”: “L’eclissi”, “Discolabirinto“, “La Fiamma“, fino a “Nuova Ossessione” e “Tutti i miei sbagli“! Quasi mezzanotte il concerto sembra finito ma c’è tempo per un’ultima canzone, la bellissima “L’Odore”: “Dedichiamo questa canzone ad una band toscana con la quale stiamo lavorando – ha spiegato Samuel – Ci siamo “annusati” e chissà che presto non possiate vedere i frutti di questa collaborazione”. Mistero sul nome ma la presenza dietro le quinte del chitarrista Drigo fa presupporre che la band possano essere proprio i Negrita.

A mezzanotte in punto tutto finisce, i Subsonica scendono dal palco e la gente comincia a defluire dalla piazza, tra chi non riesce più a camminare dopo due ore di ballo e chi ne vorrebbe ancora (“Non hanno acceso le luci, ora riescono fuori vedrai!”).

Ma il concerto è finito davvero e si comincia a smontare il palco: il Pistoia Blues 2012 va avanti e il prossimo big a salire sul palco sarà niente meno che BB King!

Ps. Come potete notare questa volta vi proponiamo solo la galleria fotografica dato che le riprese video non erano state autorizzate. E’ la prima volta che mi accade con i Subsonica e ne sono dispiaciuta anche perchè non c’è stata motivazione: spero che la prossima volta saremo davvero “Liberi tutti” di poter fare il nostro lavoro con gli strumenti più idonei!

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 13 Luglio 2012. Filed under Musica. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

2 Responses to Pistoia Blues 2012: inaugurazione al ritmo dei Subsonica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.