Archivi

In Mugello giocando si insegna a gestire le emergenze naturali

Firenze –  I bambini della Comunità Montana del Mugello, giocheranno a “il Rischiatrottolo”, “L’Isola dei Fiori di Tuono” e “Vai in PaniCOC” . Nomi suggestivi e divertenti per giochi educativi che insegneranno loro come agire e come comportarsi quando accadono catastrofi naturali.

I giochi fanno parte di un progetto di portata nazionale realizzato dall’UNCEM (Unione Nazionale Comunità Enti Montani) e dal Dipartimento della Protezione Civile che ha lo scopo di creare a partire dalla scuola, una cultura di protezione civile.

In Toscana all’iniziativa parteciperanno i ragazzi ed i bambini degli istituti comprensivi (elementari e medie) di Borgo San Lorenzo e Scarperia, e degli istituti superiori di Borgo San Lorenzo, cioè il Liceo “Giotto Ulivi” ed il professionale “Chino Chini”.

I corsi sono concentrati in due settimane: per le scuole del Mugello saranno quelle dal 14 al 25 febbraio. Oltre alla fase del gioco, sono in programma corsi di formazione per i docenti.

I giochi sono pensati per le varie età dei bambini. “L’isola di tuono” è rivolto ai ragazzi delle scuole medie, ed è composto da una cartina dove a ciascun numero segnato corrisponde la residenza di un personaggio, sulla cui scheda vengono spiegati i provvedimenti da prendere in caso di eruzione.

Il Rischiatrottolo è invece dedicato ai bambini dai 9 ai 10 anni e servirà loro a capire l’importanza della collaborazione e l’aiuto reciproco nella gestione delle emergenze. Con “Vai in PaniCOC”, dai 14 anni in su, gli studenti saranno portati virtualmente nel Comune di Dimetì, e comprenderanno le diverse difficoltà che una comunità affronta in caso di rischi, sia idrogeologici che sismici.

I vari personaggi, dal Sindaco Oreste Balestra al pensionato Bruno Orso, sono tutti identificati da carte dove vengono spiegate le loro storie, e le loro possibilità d’azione in caso di emergenze.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 14 Febbraio 2011. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *