Archivi

A Volterra una scacchiera in alabastro con i personaggi della saga di “Twilight”

Pisa – Sarà realizzata a Volterra, nel pisano, la scacchiera di alabastro ispirata ai vampiri della famosa saga “Twilight” della scrittrice Stephenie Meyer: proprio a Volterra infatti si svolge una parte del libro New Moon”.

Per individuare il progetto migliore è stato indetto un concorso riservato agli studenti dell’Istituto d’Arte di Volterra, che hanno tempo fino al 1 dicembre per presentare i loro lavori.

Poi sabato 11 dicembre alle ore 11 nel Palazzo dei Priori, una giuria di esperti sceglierà il progetto vincitore che sarà poi realizzato in serie dai maestri alabastrai di Volterra mentre l’autore vincerà come premio anche un viaggio in Germania.

L’idea è venuta a Irene Taddei e Duccio Pampaloni, i due architetti e studiosi del design, curatori della mostra “L’alabastro, gli scacchi. Fascino di una collezione” aperta fino al 9 gennaio 2011 nelle sale del Palazzo dei Priori, che insieme al Comune, hanno inserito il concorso come evento collaterale della mostra.

L’obiettivo è quello di sviluppare un progetto di design per realizzazione una scacchiera di 32 pedine in alabastro sul tema della famosa saga dei vampiri amata e seguitissima dai giovani.

Volterra è diventata una delle tappe irrinunciabili per tutti gli appassionati di Edward e Bella in cerca dei luoghi che hanno visto protagonisti i loro beniamini.

Un tema quindi che ha suscitato un grande successo tra gli studenti dell’Istituto d’arte che hanno partecipato in massa al concorso.

Per ora sono già trenta i progetti realizzati dagli allievi del 3°, 4° e 5° anno coordinati dai tre insegnanti del corso di “Progettazione e laboratorio”, Ferdinando Cerri, Fabio Nocenti e Ivana Niccolai.

Tutti i lavori che hanno partecipato al concorso rimarranno poi esposti nella saletta del Giudice Conciliatore del Palazzo dei Priori fino al prossimo 9 gennaio 2011, in contemporanea alla chiusura della mostra.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 28 Novembre 2010. Filed under Cultura. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *