Archivi

Stop ai treni e autobus a singhiozzo domani in Toscana

Firenze  – Autobus a singhiozzo e stop ai treni domani per lo sciopero indetto da Cgil, Cisl e Uil.  Sarà un altro venerdì nero per chi viaggia.

I sindacati protestano per il mancato rinnovo del contratto scaduto ormai da due anni e contro le strategie dei vertici del Gruppo F.S che puntano – secondo Filt, Fit e Uiltrasporti– ad un sistema ferroviario tutto concentrato sull’Alta Velocità a discapito degli altri treni a lunga percorrenza, del trasporto locale e merci.

I treni regionali si fermano dalle 21 di questa sera fino alle 21 di domani sera. Ferrovie garantisce i treni a lunga percorrenza ma i disagi sono comunque assicurati.

Disagi certi anche per chi nelle città si sposta con i mezzi pubblici. Controllate bene gli orari degli scioperi prima di uscire di casa per non incorrere in brutte sorprese. Lo stop dei mezzi pubblici varia da città a città:

A Firenze, i bus Ataf si fermeranno domani dall’inizio del servizio 6.00, dalle 9.15 alle 11.45, dalle 15.15 alla fine del turno.

A Prato la Cap sciopera dall’inizio del servizio alle 6.00, dalle 9.00 alle 12.00, dalle 15.00 a fine turno.

Pistoia, Copit si ferma dall’inizio del servizio alle 6.30, dalle 9.00 alle 16.00, dalle 15.30 a fine turno.

Grosseto, Rama si ferma dalle 9.00 alle 15.00 e dalle 17.00 a fine turno.

A Lucca, Clap sciopera dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15.00 a fine turno.

A Pisa, Cpt si ferma da mezzanotte alle 5.59; dalle 8.59 alle 16.59 e dalle 19.59 a fine turno.

Ad Arezzo LFI si ferma dalle 8,30 alle 12,30; e dalle 14,30 a fine turno.

A Livorno Atl sciopera da mezzanotte alle 6.30; dalle 9.30 alle 12.00; dalle 17.00 a fine turno.

Trenitalia ha attivato un numero verde gratuito, l’800.89.20.21, che resterà operativo fino alla fine dello sciopero.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 8 Luglio 2010. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *