Archivi

Famiglie in difficoltà: a Firenze è attivo il “Servizio post-divorzio”

Firenze – Anche in Toscana, secondo i dati Istat, aumentano separazioni e divorzi: nel 2005 le separazioni erano 5.644, nel 2008 sono salite a 5.889; i divorzi da 3.311 sono passati a 4.164.

Il numero medio di separazioni, ogni mille matrimoni, da 169,7 nel ‘95 è salito a 350,5 ed il numero di nuclei familiari coinvolti in attività di mediazione familiare è passato da 556 nel 2006 a 645 nel 2008.

Per questo a Firenze è nato il “Servizio post-divorzio”, creato dall’associazione di promozione sociale Co.Me.Te e sostenuto dalla Regione.

Il progetto, limitatamente al territorio del comune fiorentino, opera in stretta collaborazione con i Servizi sociali del Comune stesso realizzando un efficace esempio di integrazione tra pubblico e privato.

L’obiettivo è testare il servizio per poterlo successivamente estendere ad altre aree della regione.

I servizi offerti consistono in interventi di mediazione familiare, per trovare accordi sulle modalità di accudimento dei figli, sugli aspetti di contribuzione economica e sulle varie problematiche che possono sorgere al momento della separazione, ma anche per far fronte alle responsabilità genitoriali e ridurre al minimo il livello di conflitto tra i coniugi, nella consulenza e nel sostegno ai genitori, ai figli ed altri familiari coinvolti, nell’aiuto alle famiglie ricostituite e in sedute di psicoterapia, sia individuali che di coppia.

Al Servizio si può accedere privatamente, tramite e-mail servizipostdivorzio@yahoo.it o tramite telefonata al numero 347.2657777, oppure, in caso di famiglie assistite, tramite i Servizi pubblici del territorio del Comune di Firenze.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 12 Novembre 2010. Filed under Cronaca,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *