Archivi

BTO 2010 a Firenze: come cambia il turismo nell’era del mobile

Firenze – Diciamolo una volta per tutte: Internet ha cambiato in modo radicale le nostre abitudini, anche per quanto riguarda il mondo del turismo.

Tutti noi ormai quando dobbiamo scegliere un ristorante, un albergo o un pub andiamo su Internet, leggiamo i commenti su quelle strutture e anche in base a quelli decidiamo. Poi saremo anche noi a dare un giudizio ed è così che nasce il nuovo modo di fare “turismo” in senso più ampio.

Di questo si è occupato l’intervento “Mobile better tourism”, moderato da Mirko Lalli, Responsabile Comunicazione e Marketing della Fondazione Sistema Toscana, alla BTO 2010 in corso a Firenze.

“Il fenomeno del mobile va oltre il semplice uso del cellulare: riguarda tutto quanto è interconnesso ad Internet, tutto ciò che ci circonda in un futuro non troppo lontano – ha spiegato Lalli –E’ stata una rivoluzione veloce ed impetuosa che ha toccato tutti i settori, in particolare quello del turismo che più a lungo ne sarà investito”.

Alcuni numeri di questa “rivoluzione”: sono già 50 milioni gli I-Phone venduti e 6,5 bilioni le apps scaricate. Solo in Italia ci sono 47 milioni di utenti Internet e l’acquisto degli smartphone, attualmente al 34%, è destinato ad aumentare nel 2012 fino al 60%.

Ma qual è la comodità degli smartphone? Si è sempre connessi, sempre attivi.

Tra i relatori Fabrizio Pappalardo di CISCO, leader della comunicazione via Internet, che ha parlato di banda larga, wi-fi e traffico video.

“La banda larga è fondamentale per accedere ad informazioni e ad interazioni sociali. In Italia purtroppo siamo ancora molto indietro – ha detto Pappalardo – siamo al 50° posto al mondo per la qualità della banda larga fissa e al 37° per quella mobile”.

I video saranno la nuova frontiera, soprattutto per comunicare: è proprio il video infatti che sta guidando la banda larga.

Massimiliano Ventimiglia di H-ART ha invece spiegato come sta cambiando l’uso che gli utenti fanno del mobile e come si dovranno rapportare gli operatori del settore turistico.

“Il mobile fa ormai parte costante della nostra vita: apps in continua crescita, planning e booking, rating e options – ha spiegato Ventimiglia – sono le parole chiave per capire come sta cambiando il modo di vivere il turismo. Inoltre sono tre i punti sui quali focalizzare l’attenzione per capire come il mobile ha cambiato l’utente: una gratificazione immediata, la semplicità e la contestualizzazione. Un esempio: se a Mirko piace quel ristorante state certi che Massimiliano ci andrà. Oggi sta diventando sempre più importante avere un social status”.

Nel settore turismo diventa indispensabile realizzare un buon mobile marketing chiedendosi come migliorare il proprio sito internet, come si realizzano le apps per smartphone per gratificare il proprio esercizio commerciale e i propri clienti, fidelizzandoli, e così via.

Ricordandosi sempre che qualità e autenticità sul mobile, come sul web, sono fattori determinanti.

Guarda l’intervista a Mirko Lalli:

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 18 Novembre 2010. Filed under O3 Web Notizie,Video. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.