Archivi

Stragi mafiose del’93: “prove insufficiente sui mandanti esterni”

Firenze – Nelle indagini sui concorrenti esterni alle stragi mafiose del 1993 ”non abbiamo raccolto quanto necessario per investire della vicenda un giudice”. Lo ha detto il procuratore di Firenze, Giuseppe Quattrocchi, ricordando che le dichiarazioni di Gaspare Spatuzza, nel 2008, consentirono alla procura di ”ricominciare un percorso”. “Siamo andati a vedere ciò che Spatuzza ci ha detto” ha dichiarato Quattrocchi, sottolineando che “proprio sulla base delle dichiarazioni di Spatuzza, ha ricordato il procuratore, si è arrivati a due nuovi ergastoli: per il boss Francesco Tagliavia, che avrebbe messo a disposizione il gruppo di fuoco, e per il pescatore Cosimo d’Amato, accusato di aver fornito il tritolo. Riguardo “le corresponsabilità non materiali”, cioè i concorrenti esterni, invece, “se non si acquisiscono fatti e fonti di prova, dal giudice non si va”. (O3)

targa-via-georgofili, stragi del '93, gaspare spatuzza, firenze

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 24 Ottobre 2013. Filed under O3News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.