Archivi

Cantuccini Toscani: parte la certificazione volontaria a tutela del prodotto e dei consumatori

Prato  – Sono il terzo biscotto più famoso al mondo, in Toscana li conoscono tutti: sono i cantuccini. Per essere “cantuccini toscani” secondo il disciplinare adottato da Assocantuccini, l’associazione che riunisce 13 imprese dolciarie produttrici localizzate in tutta la regione, che ha richiesto l’Igp (Indicazione Geografica Protetta) bisogna rispettare una serie di regole. Ad esempio le mandorle devono essere almeno il 20 per cento. Le uova (il tuorlo) non meno del 4 per cento. Deve esserci solo burro e niente margarine o simili. I biscotti, cotti al forno, devono essere secchi e friabili e non morbidi. Altre indicazioni, contenute nel disciplinare, riguardano la lunghezza e il peso dei cantuccini. Insomma tutte regole che  le imprese aderenti ad Assocantuccini si sono impegnate ad osservare in nome della qualità e della toscanità. La richiesta di Igp è stata avanzata nell’aprile 2011 e nel dicembre dello stesso anno la Regione Toscana l’ha accolta esprimendo parere positivo. Ora la pratica deve completare il suo percorso a Roma e a Bruxelles per ottenere il marchio IGP. (O3)

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 9 Luglio 2012. Filed under O3News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *