Informativa sull'uso dei cookie

SWMExperience 2011: dai motori di ricerca ai motori di risposta

Milano – Aumento dell’importanza dei contenuti e delle matrici di link ma anche serp sempre più personalizzate con conseguenze per la privacy e non solo: sono alcuni dei temi emersi nel corso del convegno Seo Web Marketing Experience 2011, organizzato da Madri a Milano il 28 ottobre scorso.

La giornata, alla quale hanno partecipato 420 tra esperti di Seo e semplici appassionati del settore, provenienti da tutta Italia (con una buona percentuale dalla Toscana, tra cui noi di ObiettivoTre) ha visto alternarsi al microfono alcune delle voci più autorevoli del panorama italiano di internet: Piersante Paneghel, Enrico Altavilla, Luca Bove e molti altri hanno fatto il punto sulle ultime tendenze dei motori di ricerca, web marketing e social media.

E’ emerso un quadro dove a fare da padroni per il posizionamento su internet sono sempre più i contenuti: con l’introduzione di Google Panda infatti la tendenza già emersa negli ultimi anni si è rafforzata tanto da penalizzare numerosi siti. Come spiegato da Enrico Madrigano, di Madri, il concetto di “contenuto” di un sito si allargherebbe dalla valutazione del testo in sè, originale e di qualità, a parametri come il layout grafico, i tempi di permanenza, il bounce rate, e la ripartizione dei contenuti, tutti elementi cioè basati sull’esperienza d’uso.

Parametri che hanno già penalizzato siti di grandi dimensioni usati soprattutto come content farms, ovvero aggregatori di contenuti o siti troppo generalisti: tra le soluzioni emerse per ovviare alle penalizzazioni inflitte da Google c’è infatti quella dello spezzettamento dei siti in domini differenti, con la creazione di micronicchie.

Accanto ai contenuti e alla semantica, l’altro elemento che continua a mantenere un’importanza rilevante è la matrice di link, ovvero la costruzione di una rete di link al sito o a parte di esso, da altri siti autorevoli, struttura che consente di ottenere un ranking più alto ma per la cui analisi i motori stanno diventando sempre più esigenti e attenti alle manipolazioni.

Non poteva mancare un riferimento ai Social Media in crescita in termini di numeri ma al momento, secondo gli esperti, non in termini di link building: secondo Madrigano, infatti, i motori non terrebbero conto per ora dei link provenienti dai social perchè incapaci di riconoscere eventuale spam. Una capacità che Google potrebbero però ottenere a breve grazie all’introduzione del proprio social media Google+ e di Google plus grazie ai quali è possibile ottenere un controllo dei dati degli utenti da cui i link arrivano e quindi del loro “valore”.

In questo contesto, l’utente sarebbe quindi destinato a diventare sempre più una risorsa di marketing, capace di dare valore a ciò che posta (un quality raters a costo zero) ma nello stesso tempo, sfruttabile per carpirne interessi e preferenze.

Come sottolineato infatti da Paneghel e Altavilla la tendenza verso la quale staremmo andando sarebbe quella di una maggiore personalizzazione dei risultati delle serp: i motori di ricerca, Google in primis, tenderebbero cioè sempre più a orientare i risultati delle ricerche in base ai gusti o alle preferenze di chi le effettua, grazie alla possibilità di sommare insieme i dati dei nostri profili. La conseguenza potrebbero essere, in futuro, quella di diventare dei “motori di risposta”, capaci di fornire in una ricerca non tanto i risultati più rilevanti di per sé ma per ciò che incontra maggiormente il nostro gusto o che ci è più vicino fisicamente.

Una concezione dell’utente insomma che sembra sempre più diventare “carne da marketing” (come definito da Paneghel) di cui si analizzano gusti e interessi per offrire poi prodotti: un mercato che sarebbe oro per le aziende che su internet cercano di costruire un proprio business.

Se la tendenza sarà davvero questa, staremo a vedere: intanto gli organizzatori hanno dato appuntamento al convegno del prossimo anno.

(Si ringrazia Madri per alcune delle foto)

Condividi il post

Google1
Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 2 Novembre 2011. Filed under O3 Web Notizie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

4 Responses to SWMExperience 2011: dai motori di ricerca ai motori di risposta

  1. prestiti inpdap

    5 Novembre 2011 at 17:22

    Ciao,
    rispetto a quello dell’anno scorso è davvero utile seguire questo corso di madri?

    A presto

  2. Ylenia

    5 Novembre 2011 at 20:22

    Ciao! Personalmente credo ke corsi così ben organizzati siano sempre utili, visto soprattutto la rapidità con cui muta internet. Inoltre il confronto con SEO davvero bravi e con le case history presentate fanno sempre comodo: tanto per farti un esempio ho trovato un errore di scansione su O3 grazie ad un esempio portato da uno dei relatori.

  3. prestiti inpdap

    9 Novembre 2011 at 12:51

    Grazie MIlle prendero sicuramente i corsi di madri sembre davvero ben fatti e vi farò sapere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.