Archivi

Social Tourism: la Toscana punta su Foursquare ma serve il Wi Fi free

Firenze – Si chiama geolocalizzazione, ed è la possibilità di localizzare un luogo reale tramite computer o meglio ancora cellulare, connessi ad internet: il social media più famoso che permette di farlo è Foursquare, la cui diffusione in Italia appare ancora limitata agli addetti ai lavori.

Grazie a Foursquare, infatti, ogni iscritto può inserire nel database del social media il luogo nel quale si trova, per lavoro o per turismo, e aggiungere una serie di indicazioni utili (tips) per chi verrà dopo di lui. A seconda del numero di chek in effettuati inoltre, è possibile diventare “Major” di quel luogo, ovvero colui che lo ha visitato più degli altri.

Un social media, che oltre ad essere un gioco, permette di conoscere meglio un territorio e che, per questo, apre nuove possibilità soprattutto nel settore del turismo. Proprio per questo la Regione Toscana ha scelto di puntare su Foursquare, aprendo, tra le prime in Europa, una brandpage sul social media, ovvero una pagina tutta dedicata alla Toscana, denominata Visit Tuscany.

E’ questa una delle notizie che emergono dalla 2° Geek Girls Dinner Toscana che si è tenuta ieri al Caffè delle Oblate, nell’ambito del Festival della Creatività, a Firenze. Una serata dedicata alle donne (ma non solo) appassionate di nuove tecnologie, che ha avuto come tema proprio quella della geolocalizzazione e di come, questo settore, possa aprire nuove opportunità per le aziende che scelgono di investire nel web.

L’uso di Foursquare in Italia è ancora abbastanza limitato, rispetto a Facebook o Twitter, nonostante negli ultimi mesi il numero di utenti stia crescendo. Poche però le aziende che hanno deciso di puntare su questo social, come ha spiegato Piera Ballelli di Ninjamarketing: tra queste la prima in assoluto è stata Coin.

Foursquare invece offre, secondo gli esperti, molte possibilità per realtà come bar, ristoranti o esercizi commerciali che possono creare iniziative da promuovere tramite questo social media. Un esempio all’estero è McDonalds che il 16 aprile scorso ha realizzato una giornata intera dedicata a Foursquare: sono stati estratti a sorte 100 card con omaggi da 5 a 10 $ per le consumazioni a coloro che trovandosi in un punto McDonald, avessero effettuato il check in con Foursquare. Il risultato, secondo la multinazionale, è stato di 3000 check in un giorno, un aumento del 30% sul traffico nei punti vendita e 600.000 nuovi followers sui vari social media. Il tutto con un investimento di meno di 1000 $.

Ma Foursquare può risultare utile anche per la promozione di un territorio, come dimostrato in America da History Channel: in questo crede la Regione Toscana che ha aperto la sua brandpage sul social media. Alexandra Korey, di H-art, ha spiegato come in questa pagina siano stati inseriti i tips, ovvero le indicazioni, dei luoghi da promuovere e visitare in Toscana, dedicati sia agli italiani che agli stranieri.

“La Toscana è stata la seconda realtà europea ad aprire una brandpage su Foursquare, dopo lo Yorkshire, a inizio settembre – ha spiegato la Korey – lo consideriamo un investimento sul futuro, che necessita però di una condizione indispensabile: la liberalizzazione del Wi Fi in Italia, per la quale attendiamo un segnale dal Governo”.

Senza Wi Fi free infatti sarà praticamente impossibile sviluppare realtà come Foursquare non solo per il turismo, ma anche per le grandi aziende: l’accesso libero alla rete renderebbe infatti per tutti più agevole collegarsi in qualunque luogo ci si possa trovare, soprattutto per gli stranieri.

La 2° Geek Girl Dinner Toscana ha dato poi spazio, come già avvenuto al 1° appuntamento, anche a nuove realtà che investono sulla rete: come Treedom, start up dell’Incubatore di Firenze, che permette di certificare le emissioni di CO2 prodotte da ogni singolo individuo; Road Sharing, che usa la rete per mettere in comunicazione persone che necessitano di passaggi in auto; e Mimulus che ha realizzato la 1° caccia al tesoro con Foursquare all’ultima Social Media Week di Milano.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 25 Ottobre 2010. Filed under O3 Web Notizie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.