Archivi

Polemica Comune-Della Valle: i fiorentini chiedono chiarezza

Firenze – Sembra che stia lentamente ripartendo il dialogo tra la Fiorentina ed il Comune di Firenze per arrivare alla tanto discussa convenzione che ha portato a numerose polemiche nei giorni scorsi.

Tutto era cominciato con le parole del patron viola Diego Della Valle, al termine della partita di Coppa Italia Fiorentina-Chievo di giovedì 14 gennaio, che invitava il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, a chiedere scusa per il comportamento di un suo funzionario, Giacomo Parenti, a suo dire “offensivo” nei confronti del vicepresidente viola Mario Cognigni durante una riunione tecnica sulla convenzione tra Palazzo Vecchio e la società per la gestione dello stadio e dei campi di allenamento.

Immediata il giorno seguente la replica del primo cittadino. “Il sindaco non si scusa per parole che sono oggetto di una controversia privata – ha dichiarato Renzi – ma vorrei chiarire che i miei rapporti personali con la famiglia Della Valle sono ottimi”.

Poi era tornato a parlare proprio della convenzione. “Credo di poter chiudere ogni questione senza problemi entro il 26 gennaio – ha spiegato il sindaco – e se la situazione va come deve andare sarà la Fiorentina che farà i campini altrimenti li farà il Comune. Sono per la politica del fare e il centro sportivo si fa”. 

Sembrava tutto rientrato, ma martedì 19 gennaio l’assessore comunale allo sport, Barbara Cavandoli, ha deciso di dimettersi dall’incarico con una lettera inviata ai principali media fiorentini e al sindaco Renzi, negli Stati Uniti, per un impegno istituzionale. Nella lettera la Cavandoli si è detta “troppo delusa per continuare a lavorare al progetto”.

“Lo stadio e l’area campini – si legge nella lettera – dovevano essere gestiti da Fiorentina con opportunità di sviluppo per la società, prove tecniche per la cittadella e nessun costo a carico della collettività. Consapevole del passaggio delicato rappresentato dalla convenzione avevo proposto a Fiorentina di scriverlo insieme. Non ci è stato offerto un appuntamento, ma un boccone amaro: il testo della convenzione scritto da Fiorentina che disattende gli accordi da me presi. Incredula, sorpresa, amareggiata e ancora oggi non riesco a capire il perché. E visto che la firma della convenzione potrà arrivare solo modificando l’impostazione fin qui sostenuta, io non posso essere più l’interlocutore giusto“.

Diego Della Valle è quindi tornato a parlare mercoledì sera allo stadio dopo la gara tra Fiorentina e Lazio. “Mi dispiace – ha dichiarato Della Valle – delle dimissioni della signora Cavandoli. Noi siamo ospiti di questa città e non vogliamo creare problemi a nessuno. Serve chiarezza e zero polemiche. Non voglio però sentir dire che non si mantengono gli impegni. Auguri alla signora Cavandoli – ha concluso – se torna ne saremo felici”.

Intanto il sindaco Renzi dagli Stati Uniti fa sapere che tutto si chiarirà al suo ritorno domenica mattina. Per il momento un comunicato di Palazzo Vecchio rende noto che la delega allo sport passa al vicesindaco, Dario Nardella.

Ma di tutta questa storia cosa hanno capito i fiorentini? Noi siamo andati davanti allo stadio Artemio Franchi a chiederglielo:

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 23 Gennaio 2010. Filed under Sport,Video. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.