Informativa sull'uso dei cookie

Inferno Run: sabato 9 maggio al Parco dei Renai a Signa (Fi)

Inferno Run1

(Articolo di Matteo Fabiani) Firenze – Si terrà sabato 9 maggio 2015 la seconda edizione della Inferno Run, promossa dall’Associazione Italian Sport Lab con il patrocinio del Comune di Signa, del Comune di Firenze, della Regione Toscana e dalla Città metropolitana di Firenze.

Ad attendere i circa duemila partecipanti, più del doppio del 2014, saranno 11 km di corsa a ostacoli di varia natura su un percorso studiato per far divertire: protagonista vero sarà il mix tra cultura e divertimento, nella cornice del Parco dei Renai a Signa, a pochi minuti da Firenze. Questo paradiso naturale sarà di sicuro la location ideale per l’evento grazie al verde e all’acqua che lo rendono un luogo perfetto per passare una giornata di svago con amici e familiari.

L’assessore allo sport del Comune di Firenze, Andrea Vannucci ha dichiarato che “questo è il momento migliore per annunciare un’iniziativa con questo nome – proprio mentre sono appena iniziate nel capoluogo toscano le riprese del film Inferno di Ron Howard con Tom Hanks come protagonista – che è simbolo di sport inteso come sofferenza e in cui tutti i Comuni della città metropolitana devono sentirsi protagonisti”.

Il percorso prevede un unico giro con due passaggi a nuoto, due container, una selva oscura, circa 600 pneumatici, 60 balle di fieno, 40 quintali di ghiaccio, muri, palizzate e tanto fango: questo è l’inferno, neanche troppo metaforico, che attende i poveri “diavoli” arrivati da tutta Europa e anche da più lontano e ai quali, data la distanza percorsa per arrivare alla linea di partenza, andranno i premi più importanti.

Inferno Run

Oltre 260 inoltre i partecipanti alla cerchia competitiva, valida per il primo campionato italiano Mud Run; tutto avverrà nel pieno rispetto della sicurezza grazie al piano messo a punto con 118 e la Pubblica Assistenza di Signa, che prevede medici, infermieri e ambulanze pronti a far fronte a qualsiasi tipo di emergenza, con l’aiuto di 160 volontari.

Notevole la presenza femminile, che ha raggiunto il 30%, e la presenza di squadre con cui corrono l’80% dei partecipanti: questo accade perché buona parte degli ostacoli con cui i corridori avranno a che fare saranno insormontabili con i soli sforzi individuali e saranno necessarie la collaborazione e l’azione collettiva per avere successo.

Un’altra novità è costituita dai servizi collaterali a offerta libera di parrucchieri, fisioterapisti e babysitter, il cui ricavato andrà interamente alla Fondazione Tommasino. Infine sarà anche allestito un piccolo percorso dal nome Infernetto per i bambini, a ingresso libero.

Condividi il post

Google1
Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 5 maggio 2015. Filed under In primo piano,Sport. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.