Archivi

Tre aziende sanitarie premiate al Forum P.A di Roma

Firenze –  L’azienda ospedaliera universitaria di Careggi, la Asl 10 di Firenze e la Asl 4 di Prato sono state premiate  alla ventiduesima edizione del Forum della Pubblica Amministrazione che si è concluso a Roma.

A Careggi è andato il premio “Call 10×10 – Dieci storie di qualità”, per il progetto DIPINT (Dipartimento Interistituzionale Integrato), esempio di integrazione tra Università e Regione. Obiettivo del progetto, l’integrazione dei processi di didattica, ricerca e assistenza, e anche dei processi tecnico-amministrativi di supporto.

All’azienda sanitaria 10 di Firenze sono andati ben due premi. Il premio “Meno carta Più valore”, dedicato all’eliminazione dell’uso della carta negli enti pubblici e per il progetto Care Path: l’individuazione di percorsi standardizzati per i pazienti degli ospedali dell’azienda sanitaria di Firenze attraverso il modello delle Clinical Pathway (CP).

Attraverso le CP per ogni paziente viene generato un “foglio di lavoro” che riassume tutte le azioni che devono essere messe in atto per proseguire il percorso assistenziale.

Sul podio, infine, anche la Asl 4 di Prato, che si è aggiudicata un premio per il progetto “Mamma segreta”: una rete di servizi pubblici, associazioni e cittadini avviata a Prato nel 1999, che tutela le donne che prima, durante e dopo il parto intendono avvalersi del diritto al parto in anonimato.

Il progetto è nato per prevenire l’abbandono alla nascita e sostenere le madri in gravi difficoltà, garantendo loro il sostegno dei servizi territoriali e ospedalieri.

Promosso dalla Regione Toscana, e dopo una prima fase sperimentale avviata nel 1999 in collaborazione con il Comune e la Asl 4 di Prato e con l’Istituto degli Innocenti di Firenze, è entrato nel 2005 nella fase operativa.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 16 Maggio 2011. Filed under Salute. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.