Archivi

Sanità penitenziaria: firmata un’intesa tra USL 6 e carcere di Livorno

Livorno – E’ stato firmato a Livorno il nuovo Protocollo di Intesa tra Azienda USL 6 e Casa Circondariale della città labronica per la gestione della cosiddetta sanità penitenziaria all’interno del carcere livornese.

“Questo documento – spiega Monica Calamai, direttore generale dell’Azienda USL 6 – conclude un percorso cominciato anni fa in base al quale l’Azienda non si limita a prestare i propri professionisti, ma si assume la responsabilità dell’assistenza sanitaria. Il nostro compito, fuori e dentro dal carcere, è quello di assicurare cure efficienti al servizio delle persone a prescindere dalla loro condizione di reclusi o meno”.

Il rapporto e al presenza di medici e servizi sarà costantemente controllata e ridefinita grazie alla creazione di un tavolo tecnico permanente con componenti misti provenienti dall’Azienda USL e dalla Casa Circondariale incaricati di controllare l’appropriatezza dei servizi erogati.

“La situazione attuale – dice Domenico Tiso, responsabile della sanità penitenziaria dell’Azienda USL 6 – sconta alcuni problemi legati soprattutto al sovraffollamento delle strutture. Da Livorno, in un anno, passano circa 2.500 detenuti ai quali riusciamo a garantire un servizio di guardia medica 24 ore su 24 e servizi specialistici che vanno dalla psichiatria al dentista, dall’ortopedico al cardiologo. Le patologie principali sono legate alle dipendenze, alle malattie infettive e all’ortodonzia con tutta una serie di persone, stranieri senza documenti, che con noi trovano il primo punto sanitario. Ogni anno, ad ogni modo, siamo costretti a ricorrere a circa 400 visite esterne e circa una decina di ricoveri”.

Proprio per migliorare qualità e quantità dei servizi è allo studio un nuovo progetto per la creazione di una postazione per la telemedicina all’interno di uno degli ambulatori del carcere.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 5 Novembre 2010. Filed under In primo piano,Salute. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.