Archivi

Ridurre tempi di attesa e uniformare le prestazioni. Delibera della Giunta della Toscana

Firenze – Trattamento unico per tutti i pazienti; omogeneizzazione degli esami per immagini; revisione delle priorità per le prestazioni con una riduzione dei tempi di attesa e della spesa, che si calcola intorno al 30%.

Sono gli obiettivi della delibera approvata dalla giunta regionale della Toscana che affida al Dipartimento Interaziendale di Radiodiagnostica per Immagini una sperimentazione della durata di 7 mesi per la messa in atto di protocolli omogenei per quanto riguarda, diagnosi, prescrizioni e liste di attesa.

Si tratta di un Dipartimento unico di diagnostica per immagini, interaziendale tra Asl di Firenze e l’Azienda ospedaliero-universitaria di Careggi.

”La nostra prima preoccupazione è per il paziente –  ha spiegato l’assessore al diritto alla salute Daniela Scaramuccia – Tutti i pazienti hanno diritto allo stesso trattamento, in qualsiasi ospedale arrivino. In questo modo viene costruita una “rete virtuosa” che assicura prestazioni omogenee e di identica qualita’ in ogni ospedale dell’area fiorentina”.

La radiologia è spesso un esame che allunga i tempi di attesa nel percorso di cura di un paziente. E tante –  dicono i radiologi – sono le prestazioni inutili, che potrebbero essere evitate.

Un esempio, lo ha ricordato anche l’assessore Scaramuccia: la risonanza magnetica al ginocchio per gli over 65. Gli esperti dicono unanimemente che non ha senso, perché l’anatomia modificata del ginocchio lo rende un esame scarsamente informativo.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 17 Maggio 2011. Filed under Salute. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.