Archivi

Nuovi ticket sanitari: in Toscana si parte da domani, martedì 23 agosto

Firenze – Prende il via domani, martedì 23 agosto, in Toscana l’applicazione dei nuovi ticket sanitari, anche se in modo progressivo.

L’intervento sarà modulato in base al reddito, senza toccare le fasce esenti: basso reddito, pensioni sociali, disoccupati, ecc., che continueranno a non pagare niente.

Il ticket aggiuntivo, sia sulla specialistica ambulatoriale che sui farmaci, è modulato in base al reddito familiare fiscale o, in alternativa, all’indicatore ISEE . La cosa che cambia, tra specialistica e farmaceutica, è la modalità di autocertificazione del reddito.

Nel caso dei farmaci questa avverrà attraverso l’inserimento di codici specifici nella ricetta stessa (a seconda che si tratti di esenzione oppure di appartenenza ad una fascia di reddito, sia familiare che equivalente ISEE) e apposizione della firma dell’utente in uno spazio apposito. Per la specialistica il cittadino dovrà compilare e sottoscrivere una dichiarazione dove indicherà la fascia di reddito a cui appartiene, oppure, se la possiede, dovrà presentare l’attestazione ISEE. L’obiettivo, entro i primi di settembre, è di poter utilizzare gli stessi codici anche per le prestazioni specialistiche.

Oltre alle categorie esenti, restano esclusi dal pagamento tutti coloro con reddito inferiore a 36.151,98 euro (autocertificato o ISEE). Queste le fasce e il ticket corrispondente:

da 36.151,98 a 70.000 euro: 1 euro a confezione, fino a un massimo di 2 euro per ricetta;

da 70.001 a 100.000 euro: 2 euro a confezione, fino a un massimo di 4 euro per ricetta;

oltre 100.000 euro: 3 euro a confezione, fino a un massimo di 6 euro per ricetta.

Per quanto riguarda le visite specialistiche quelle generali passeranno da 18,60 a 22 euro, quelle di controllo da 12,90 a 20 euro. Il costo di tutte le prestazioni specialistiche di ambulatorio subirà un arrotondamento all’unità superiore (per esempio, se l’importo da pagare è di da 18,20 euro si pagheranno 19 euro). Come per i farmaci restano esclusi dal pagamento tutti coloro con reddito inferiore a 36.151,98 euro (autocertificato o ISEE). L’esclusione riguarda inoltre le ricette di valore non superiore ai 10 euro e gli esenti per le prestazioni specialistiche. Queste sono le fasce e il ticket da pagare per ricetta (tutte le prestazioni escluse Risonanza magnetica e TAC):

da 36.151,98-70.000 euro: 5 euro;

da 70.001-100.000 euro: 10 euro;

oltre 100.000 euro: 15 euro.

Queste invece le fasce e il ticket da pagare per ricetta per Risonanza magnetica e TAC:

da 36.151,98-70.000 euro: 10 euro;

da 70.001-100.000 euro: 24 euro;

oltre 100.000 euro: 34 euro.

Per la libera professione (intramoenia) è previsto un contributo aggiuntivo sulle prestazioni modulato a seconda del valore della prestazione stessa.

Niente cambia per il Pronto soccorso, per il quale continuerà ad essere applicata la delibera della giunta regionale 534 del 2007, che prevede un ticket di 25 euro per i codici bianchi e azzurri.

Per informare al meglio i cittadini la Regione ha realizzato un utile vademecum che riassume tutte le novità. Inoltre ha messo a disposizione un indirizzo di posta elettronica ticket.sanita@regione.toscana.it, ed un numero telefonico dedicato 055 4385901, attivo dalle 8 alle 20 tutti i giorni da lunedì a domenica, da contattare per avere tutti i chiarimenti necessari o per inviare segnalazioni e commenti.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 22 Agosto 2011. Filed under Salute. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.