Archivi

L’obesità si combatte fin dalla culla: lo dimostra uno studio toscano

Firenze – Essere grassi o addirittura obesi non dipende solo da predisposizioni genetiche ma anche dall’ambiente in cui viviamo fin da piccoli. E’ quanto scoperta da alcuni ricercatori pisani dell’IEPTO-Istituto Europeo per la Prevenzione e Terapia dell’Obesità, appartenenti all’Università di Pisa, alla Scuola Normale Superiore, all’Istituto di Neuroscienze del CNR e all’Università di Firenze.

Lo studio, condotto sui topi e pubblicato nell’ultimo numero della rivista scientifica americana “Proceedings of the National Academy of Sciences”, avrebbe infatti dimostrato come gli stimoli esterni possano cambiare il metabolismo dell’individuo, rendendolo più o meno sensibile alla produzione della leptina, ormone che agisce sul cervello per sopprimere l’appetito e indurre al dimagrimento.

Dai risultati dello studio è emerso che un topo posto, fin dalla nascita, in una situazione in cui sono favoriti non solo l’esercizio fisico ma anche attività tipicamente “cerebrali” quali l’esplorazione dello spazio e di oggetti sempre nuovi, risulterà meno suscettibile ad ingrassare. I ricercatori hanno dimostrato che questa condizione, infatti, determina nell’ipotalamo un potenziamento della risposta dei neuroni al segnale di sazietà veicolato dalla leptina. Inoltre, lo studio prova che l’arricchimento ambientale è anche in grado di modificare i circuiti nervosi che controllano l’appetito, dato interessante, poiché non è stato osservato nel caso in cui i topolini siano stati sottoposti solamente a un programma di esercizio fisico.

La ricerca dimostra dunque che il gioco, l’esplorazione, la socialità, hanno un ruolo importante nel determinare gli effetti anti-obesità, potenziando i benefici della sola attività fisica.

“La Toscana sta investendo molto in ricerca e intende continuare a farlo: parallelamente al buon funzionamento dei servizi, ci interessa anche una ricerca in grado di migliorare lo stato di salute della popolazione – ha commentato l’assessore al diritto alla salute Daniela Scaramuccia – Il sistema sanitario toscano sta investendo molte risorse per i giovani, soprattutto nel campo dell’educazione alla salute: prevenzione, corretti stili di vita, alimentazione equilibrata, attività fisica costante”

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 15 Settembre 2010. Filed under In primo piano,Salute. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.