Archivi

Firenze: innovativo intervento al cuore di una neonata al Meyer

Firenze – Ha solo 10 mesi ed è stata sottoposta ad un delicato intervento che le ha salvato la vita.

E’ la bambina ricoverata presso l’Azienda Ospedaliero Universitaria Meyer di Firenze perchè era affetta da un’anomalia cardiaca congenita talmente grave da averle ingrossato il cuore a tal punto da occupare buona parte del torace, provocando frequenti arresti cardiaci e inducendola a respirare con un solo polmone.

Grazie all’intervento multidisciplinare dello staff di Endoscopia Respiratoria, l’équipe della Cardiologia del Meyer di Firenze, e dello staff di Cardiochirurgia Pediatrica della Fondazione Toscana “G. Monasterio” Ospedale del Cuore, “G. Pasquinucci” di Massa, la bambina ha ripreso totalmente tutte le sue funzioni: l’anomalia congenita è stata corretta e le funzionalità respiratorie ripristinate.

Si tratta del primo trattamento multidisciplinare di questo tipo mai realizzato in un ospedale pediatrico italiano.

“La presenza combinata degli endoscopisti respiratori, dei cardiologi, dei cardiochirurghi pediatrici e dei rianimatori specializzati in ossigenazione extracorporea (Ecmo), come avviene al Meyer quale Centro di alta specialità – ha spiegato Lorenzo Mirabile, Responsabile di Endoscopia Respiratoria dell’ospedale fiorentino e coordinatore dell’intervento – ha permesso di ridare totale benessere a questa neonata”.

Ora la neonata, spiegano gli specialisti che l’hanno in cura, “sta bene e le sue condizioni sono buone.

La piccola potrà crescere seguendo una terapia farmacologica ma, sia l’anomalia congenita, sia la disfunzione respiratoria sono state definitivamente corrette.

“Grazie a questo straordinario intervento – ha detto la mamma della piccola – la mia bambina è nata per la seconda volta”.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 19 Aprile 2011. Filed under Salute. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.