Archivi

Asl 9 Grosseto: in aumento maltrattamenti e molestie

Grosseto – Cinquecentotre casi di violenze, molestie, stalking e maltrattamenti nel 2011.

Sono i numeri registrati dall’Asl 9 di Grosseto che ha fornito i dati dell’attività del “Codice Rosa” dell’anno appena concluso.

A preoccupare i sanitari dell’Asl 9 è la crescita degli abusi: si è passati da 309 casi nel 2010 ai 503 del 2011, un incremento del 63% . Sono aumentati i codici rosa per casi di maltrattamento, sia su adulti che su bambini, con una distribuzione uniforme sul territorio, rispetto alla densità di popolazione.

Per quanto riguarda il sesso, l’Asl 9 registra un aumento importante di vittime maschili mentre per quanto riguarda la nazionalità, la percentuale di vittime italiane prevale nettamente ed è in aumento: nel 2011 erano il 67%, nel 2011, salgono al 73%.

L’aumento dei casi è anche il frutto del lavoro degli operatori – come ha spiegato la responsabile della task -force dell’Asl 9 Vittoria Doretti, –  “di una maggiore fiducia dei cittadini nelle istituzioni” e della presenza di figure socio-sanitarie della stessa azienda, delle forze dell’ordine e del volontariato, formate dalla Asl, che fanno si che i casi vengano alla luce e si arrivi alla denuncia.

Per questo è pronto il nuovo corso per formatori che dovranno occuparsi dell’attuazione del progetto regionale per il Codice Rosa, che coinvolge in via sperimentale, oltre a Grosseto, le Asl di Lucca, Viareggio, Prato e Arezzo.

Il progetto è stato approvato dalla Regione Toscana a dicembre 2011 e, tra le varie azioni, prevede anche un piano di formazione per gruppi operativi costituti a livello locale.

Il corso si svolegerà alla Fattoria la Principina, il prossimo 20 e 21 febbraio ed è rivolto agli operatori delle Asl coinvolte, per avviare nei loro territori la stessa esperienza grossetana.

Docenti del corso, oltre ai sanitari della Asl 9 coinvolti nella task force, anche rappresentanti della Procura e delle forze dell’ordine, funzionari regionali ed esponenti dl mondo del volontariato che collaborano con la rete anti-violenza.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 18 Febbraio 2012. Filed under Salute. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.