Archivi

Ad Arezzo esami e referti a portata di clic

Arezzo – Tutto a portata di clic: la Asl di Arezzo, i suoi ospedali e i suoi reparti da oggi sono collegati fra loro per l’utilizzo delle procedure Ris Pacs.

Un sistema innovativo che consente una refertazione più rapida e precisa oltre all’archiviazione e alla consultazione a distanza delle immagini radiologiche in digitale. Lo stesso sistema che da tempo consente di ricevere direttamente le immagini radiografiche su Cd-ROM.

Il progetto, sviluppato dalle aziende sanitarie ed ospedaliere di tutta la Regione Toscana, era iniziato in via sperimentale nel 2005.

Ad Arezzo si è proceduto gradualmente – afferma il direttore della Asl 8, Enrico Desideri –  in modo da garantire l’uscita  dai vecchi sistemi, la predisposizione degli impianti nei nuovi ospedali e nelle strutture territoriali, evitando sovrapposizioni e sprechi. Adesso il sistema combinato per la digitalizzazione delle immagini nei nostri presidi è cosa fatta. Le vecchie pellicole sono quasi un ricordo, tanto è che solo una minima parte dei cittadini ci chiede ancora la ‘lastra radiografica’. Si tratta di una percentuale al di sotto del 20%, solitamente persone che devono far “leggere” gli esami in strutture extraregionali o presso medici che non sono attrezzati sotto il profilo informatico”.

Il nuovo sistema ha portato ad avere un miglioramento netto nella qualità del servizio, una rapidità nella trasmissione da punto a punto, si pensi alla possibilità di consulenza in tempo reale, ad esempio, da parte di uno specialista ortopedico in servizio al San Donato, su una tac fatta in un presidio periferico, oltre ad una diminuzione importante dei costi, sia economici che ambientali.

La mole di lavoro in questo ambito è enorme. “Nel 2009 – dice Cesario Ciccotosto direttore della Radiodiagnostica del San Donato –  nei cinque ospedali della Usl abbiamo eseguito 326.650 esami. Di questi, 41.932 sono state Tac, 15.573 risonanze magnetiche, 31.591 mammografie comprensive di quelle di screening, 211.382 radiografie tradizionali, 120 angiografie e 26.052 ecografie”.

L’ultimo anello di questa lunga catena è stato chiuso due giorni fa all’ospedale della Fratta, dove è stato attivato il collegamento fra tutti i reparti, la radiologia e il resto della rete aziendale.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 9 Giugno 2010. Filed under Salute. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.