Archivi

A Firenze nasce Casa Ronald per i parenti dei bimbi ricoverati al Meyer

Firenze – Sono stati oltre 2000 i bambini dimessi dall’ospedale Meyer di Firenze nel 2010 e provenienti da fuori Toscana: si tratta di circa il 20% di tutti i ricoverati, secondo i dati forniti dall’ospedale. Proprio per accogliere questa percentuale che arriva da tutta Italia verrà realizzata la nuova Casa Ronald, che sorgerà in una colonica di via Alderotti 95.

Nella colonica, disposta su due piani per circa 450mq, saranno realizzate otto camere con bagno, di cui una per diversamente abili, e cinque ambienti di supporto e servizio al piano terra: cucina comune spazi di gioco e di studi. Inoltre verrà realizzato uno spazio esterno attrezzato. La casa accoglierà famiglie dei bambini ricoverati al Meyer residenti fuori città che saranno segnalate dallo stesso Ospedale Pediatrico fiorentino.

L’immobile, di proprietà dell’Università di Firenze, è stato ceduto in comodato gratuito alla Fondazione per l’Infanzia Ronald McDonald Italia che provvederà a tutti i lavori di ristrutturazione e alla gestione della nuova casa.

La Fondazione è un’associazione senza scopo di lucro che, con la costituzione delle Case Ronald, vuole offrire accoglienza ai bambini malati e alle loro famiglie. Con quella di Firenze, salgono a cinque le Case Ronald gestite in Italia dalla Fondazione.

“Grazie alla collaborazione con l’Università di Firenze e la Fondazione per l’Infanzia Ronald McDonald Italia i bambini e le famiglie che si rivolgono al nostro Ospedale, potranno usufruire di una nuova struttura di accoglienza – ha commentato Tommaso Langiano, Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Meyer – Questa iniziativa verrà incontro alle esigenze di accoglienza a cui un Centro pediatrico di rilevanza nazionale, quale è il Meyer, deve rispondere”.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 31 Marzo 2011. Filed under Salute. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.