Archivi

Referendum 12-13 giugno: oltre 3 milioni i toscani chiamati al voto

Firenze – Ormai è certo: dopo il pronunciamento della Consulta, i referendum del 12 e 13 giugno saranno 4 e riguarderanno i temi del nucleare, della privatizzazione dei servizi pubblici, della privatizzazione della distribuzione dell’acqua e del legittimo impedimento.

Indipendentemente da come ognuno sceglierà di votare, la consultazione si terrà domenica 12 giugno, dalle 8 alle 22 e lunedì 13 giugno, dalle 7 alle 15: per essere valido il referendum dovrà vedere la partecipazione del 50% più uno degli aventi diritto.

In Toscana gli elettori coinvolti saranno circa 3 milioni, stando ai dati dell’ufficio statistiche della Regione Toscana, per le elezioni del 2010. Ma per cosa siamo chiamati esattamente a votare?

Referendum n. 1 – Modalità e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica: la scheda di colore rosso, chiede ai cittadini di abrogare le norme che attualmente consentono diaffidare la gestione dei servizi pubblici locali (ad es. acqua, rifiuti, trasporti etc) a operatori economici privati

Referendum n.2 – Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato: la scheda di colore giallo, chiede ai cittadini di abrogare le norme che stabiliscono la determinazione della tariffa per l’erogazione dell’acqua, il cui importo prevede attualmente anche la remunerazione del capitale investito dal gestore.

Referendum n. 3 – Abrogazione dei commi 1 e 8 dell’articolo 5 del dl 31 marzo 2011 n.34, convertito con modificazioni dalla legge 26 maggio 2011, n.75: la scheda di colore grigio, chiede l’abrogazione delle nuove norme che consentono la produzione nel territorio nazionale italiano di energia elettrica nucleare.

Referendum n. 4 – Abrogazione di norme della legge 7 aprile 2010, n. 51, in materia di legittimo impedimento del Presidente del Consiglio e dei Ministri a comparire in udienza penale: la scheda di colore verde, chiede l’abrogazione delle norme in materia di legittimo impedimento del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri a comparire in udienza penale.

Ciascun elettore può esprimere il proprio voto tracciando un segno sul riquadro che corrisponde alla risposta prescelta: se sceglie SI vota per l’abrogazione delle norme attualmente in vigore; se vota No per il mantenimento dello status quo. E’ possibile ritirare e votare, anche solo la scheda per uno o per alcuni dei quesiti referendari.

Intanto in Toscana prosegue la mobilitazione dei Comitati con iniziative organizzate in ogni provincia: in particolare i Comitati per il Sì, che sostengono l’opposizione al nucleare e alla privatizzazione dell’acqua, hanno organizzato un grande concerto che si terrà il 9 giugno in Piazza Santa Maria Novella, a Firenze.

A partire dalle 20.00 si susseguiranno sul palco Stefano Bollani, Irene Grandi, Bandabardò, Cisco, Paolo Vallesi e molti altri. A condurre la serata sarà l’attrice Daniela Morozzi che intervallerà gli interventi di rappresentanti dei Comitati per il Sì che spiegheranno i motivi del loro voto.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 8 Giugno 2011. Filed under In primo piano,Politica. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.