Archivi

Elezioni amministrative 2011 in Toscana: il voto sotto la lente

Firenze Perde voti l’Italia dei valori (-5.,57%) che si ferma al 3,71%, mentre cresce l’area della sinistra che tra le liste civiche, Sel, Rifondazione e Comunisti italiani (ma c’è anche una lista Idv-Sel), guadagna il 4,01 e raccoglie l’11,73% dei consensi.

Sono solo alcuni dei dati emersi dalle prime analisi dell’Osservatorio elettorale regionale sulle elezioni amministrative 2011 in Toscana.

Ad appena qualche giorno dalla chiamata alle urne del 15 e 16 maggio, che in Toscana ha visto 33 comuni e una provincia al voto, arriva una fotografia che aggrega i risultati dei sette comuni toscani con più di 15mila abitanti (e quindi i più grandi) in cui i cittadini sono stati chiamati ad eleggere sindaco e consiglio comunale: ovvero Arezzo, Grosseto, Siena, Figline Valdarno, Montevarchi, Sansepolcro e Cascina.

I voti delle ultime comunali, raggruppati per partiti ed aree politiche, sono stati messi a confronto con quelli delle regionali del 2010.

Tra gli altri risultati è emerso che il PD va abbastanza bene, che perde il 4,45% nelle liste con il proprio simbolo ma guadagna il 3,94 con le liste civiche di centrosinistra legate ai candidati sindaci.

Vanno bene anche il Psi e i riformisti.

PD e socialisti dei sette comuni presi in esame, assieme alle liste civiche, raccolgono il 43,82% dei consensi, contro il 39,89% dell’anno scorso. Il terzo polo si ferma al 5,71%.

Perdono il 10,27% Pdl, Lega Nord, La Destra e liste civiche di quell’area, ma a causare il crollo è stata soprattutto l’astensione diffusa e concentrata in quella parte di elettorato.

Il centrodestra, nei sette comuni presi in esame, domenica e lunedì ha pesato nelle urne per il 27,42%.

Il movimento “5 stelle” di Beppe Grillo ha invece raccolto il 3,69% e il 3,59% le liste civiche non apparentabili con alcuna altra famiglia.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 19 Maggio 2011. Filed under In primo piano,Politica. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.