Archivi

XVII° edizione di Fabbrica Europa a Firenze: protagonista l’Oriente

Firenze – Europa-Mediterraneo-Oriente: è questo il tema dell’edizione 2010 di Fabbrica Europa, la rassegna di danza, teatro e musica che, come ogni anno, caratterizzerà la primavera fiorentina. Dal 6 al 25 maggio si svolge infatti l’edizione che chiude il ciclo triennale dedicato all’indagine sui rapporti artistici e culturali tra l’Europa e gli altri continenti: dopo il 2008 dedicato all’Africa e il 2009 alle Americhe, nel 2010 sarà la volta dell’Oriente.

La XVII° edizione di Fabbrica Europa indagherà, attraverso gli strumenti della creazione artistica contemporanea, percorsi, nessi e suggestioni, ma anche le differenze, tra Occidente e Oriente. Muovendosi idealmente verso Est, il viaggio partirà dall’Europa per giungere fino in Cina, attraverso un itinerario non solo materiale ma anche spirituale e sociale.

Numerosi gli appuntamenti, che come sempre si articolano su tutto il territorio del Comune di Firenze e oltre, dalla Stazione Leopolda (sede centrale della rassegna), al Teatro Cantiere Florida, all’Istituto Francese, a Villa Strozzi, al Teatro Studio di Scandicci, fino al Teatro Era di Pontedera, nel pisano: tra i principali eventi da segnalare le danze del coreografo cinese Shen Wei; la musica della tradizione sciamanica unita alle sonorità elettroniche di Gendos Chamzryn; le esibizioni di artisti giapponesi e indiani della scena internazionale di musica elettronica, come Akiko Kiyama e Fumiya Tanaka; le danze rituali dei monaci buddisti coreani reinterpretate da Young No Ham; e le danze della tradizione gitana del Rajasthan.

L’altro tema al centro di questa edizione sarà l’indagine del rapporto arte e scienza: sempre di più, coreografi, registi, musicisti, artisti visivi e scienziati conducono insieme ricerche a livello internazionale che uniscono alla prassi puramente artistica, scienza e nuove tecnologie, contribuendo alla definizione di nuovi paradigmi estetici e superando il concetto classico di discipline artistiche.?Fabbrica Europa cercherà quindi di dare spazio agli artisti che oggi si confrontano con la pratica sperimentale e la ricerca tecnologica.

Per tutta la durata della kermesse, infine gli spazi della Stazione Leopolda accoglieranno La spirale appare”, grande installazione di ferro, fascine di legno, vetro e giornali realizzata da Mario Merz, esponente di spicco dell’arte povera.

(Foto da sito Stazione Leopolda)

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 1 Maggio 2010. Filed under Musica, cinema e spettacoli. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.