Archivi

Al Teatro La Pergola di Firenze in scena “Le signorine di Wilko”

Firenze – I temi del ricordo e della memoria sono il filo conduttore dello spettacolo “Le signorine di Wilko” di Jaroslaw Iwaszkiewicz che andrà in scena da martedì 18 a domenica 23 gennaio al Teatro La Pergola di Firenze.

Il regista Alvis Hermanis dirige con un cast tutto italiano: Sergio Romano, Laura Marinoni, Patrizia Punzo, Irene Petris, Fabrizia Sacchi, Alice Torriani, Carlotta Viscovo.

“Le signorine di Wilko” è una magistrale riflessione sul tempo che, inesorabile, scorre. Ne è protagonista Wiktor Ruben, uomo di mezza età che, colpito da un grave lutto viene consigliato dal medico di prendersi un periodo di riposo e decide di recarsi nel villaggio di Wilko dove, in gioventù, era solito trascorrere il periodo estivo.

Qui, come in un viaggio a ritroso nel tempo dal vago sapore proustiano, Wiktor reincontrerà cinque sorelle conosciute in gioventù, le signorine di Wilko appunto, cui lo legano numerosi ricordi: era stato fidanzato con una di loro, ora scomparsa, ed era stato l’istitutore della maggiore. Il loro inatteso ritrovarsi sconvolgerà il già delicato equilibrio emotivo delle sorelle, ormai adulte, nel lento scorrere delle lunghe e calde giornate estive.

Sergio Romano incarnerà l’unico personaggio maschile dello spettacolo, mentre saranno Laura Marinoni, Patrizia Punzo, Irene Petris, Fabrizia Sacchi, Alice Torriani e Carlotta Viscovo a dare corpo alle sei sorelle del romanzo.

In occasione delle repliche dello spettacolo, giovedì 20 gennaio alle ore 17.00 nel Saloncino del Teatro della Pergola, Patrizia Creati condurrà un incontro ad ingresso libero con i protagonisti.

Per informazioni e prenotazioni 055.22641 – 2264353, pubblico@teatrodellapergola.com.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 16 Gennaio 2011. Filed under Spettacolo. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.