Archivi

Musica: la rassegna Orbetello Piano Festival 2015

Giuliano Adorno foto di Paola ParriGrosseto – Sarà la splendida costa dell’Argentario ad ospitare dal 1° al 23 agosto la quarta edizione di Orbetello Piano Festival 2015, la rassegna itinerante di pianismo classico internazionale, che si muove in luoghi affascinanti per paesaggio o architettura trasformati in palcoscenici musicali per l’occasione, come la Torre delle Saline ad Albinia, la Terrazza sul Mare della Polveriera Guzman o il Duomo di Orbetello.

Il direttore artistico, Giuliano Adorno, ha creato un cartellone di concerti monografici, due a settimana, in cui il pianoforte, la sua vasta letteratura e l’eterogeneità di linguaggi sono esplorati e approfonditi da artisti provenienti da tutto il mondo.

Si comincia il 1° agosto in Duomo con una serata “Speciale Beethoven” che vedrà protagonisti l’Orchestra Sinfonica Città di Grosseto, diretta da Massimo Merone, e Giuliano Adorno in veste di solista, mentre il 2 agosto l’attenzione si sposta su “L’altra faccia della luna. Il pianoforte al femminile”, con la solista svizzera Christina Harnisch che tradurrà in musica la presenza femminile nel mondo del pianismo di tutti i tempi e di tutto il mondo con brani di Clara Schumann, Fanny Mendelssohn, Maria Szimanowska, Cecile Chaminade.

Cosa si può fare con un pianoforte lo vedremo invece il 7 agosto alla Torre delle Saline di Albinia. “De 5 à 40 doigts….Piano Folìa! Un pianoforte, un pianista, due pianisti, tre pianisti, quattro pianisti!” è un concerto-spettacolo in cui quattro giovani artisti dovranno dividere lo spazio sempre più ristretto di un’unica tastiera per eseguire un repertorio classico molto impegnativo.

Focus sul mondo iberico il 9 agosto con le “Follie di Spagna”. Siederà al pianoforte Irene Veneziano, pianista che si è distinta al Concorso Chopin di Varsavia nel 2010, pluripremiata in concorsi nazionali e internazionali, concertista che attualmente calca le scene internazionali più prestigiose. Il repertorio sarà quello della musica spagnola, da Albeniz a Granados.

La serata del 14 agosto sarà dedicata a Mozart dal pianista Gianluca Di Donato al Casale della Giannella. “La musica del bosco, la musica dell’uomo, la musica delle stelle” esplora l’umanità dell’universo mozartiano e ne evidenzia la profonda connessione con la natura. Non solo note dunque, ma i suoni del bosco e del cielo stellato. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con WWW Oasi e Associazione Occhio in Oasi.

Il 16 agosto al Circolo della Vela di Talamone Gabriel Tacchino, ultimo allievo di Poulenc e Marguerite Long, e Maurizio Moretti, allievo di Aldo Ciccolini, saranno il duo perfetto per “Une soirée à Paris, musiche di Poulenc, Debussy, Satie”. Un viaggio nella Francia dell’epoca e nelle suggestioni musicali di tre grandi compositori.

Giuliano Adorno 2 foto di Nico PiersantiIn questo 2015 ricorre il centenario della morte di Alexander Scriabin. Orbetello Piano festival il 19 agosto dedica al compositore russo: “Scriabin: i colori di Prometeo e l’utopia di un sogno”, conferenza a cura di Ettore Candela, Un approfondimento delle complesse tematiche contenute nella musica scriabiniana e della sua poetica.

Anche quest’anno Orbetello Piano Festival ospita il pianista vincitore del “Premio Pianistico Villa de Xàbia” (Spagna). Il concerto si svolgerà alla Torre Saline di Albinia il 21 agosto. Due città, Orbetello e Villa de Xàbia, in cui il ruolo della musica sta diventando centrale, unite in un gemellaggio culturale che favorisce lo scambio e l’arricchimento reciproco.

Inoltre Orbetello Piano Festival si apre al jazz contemporaneo. Quest’anno il concerto del 22 agosto è infatti dedicato al piano solo dell’americano Jason Lindner, pianista e tastierista dell’underground newyorkese. I suoni raffinati di Lindner troveranno il loro luogo elettivo sulla spiaggia, al tramonto, per un’esperienza di ascolto differente. La location sarà lo stabilimento balneare “Ai Delfini” ad Albinia.

Il festival si concluderà il 23 agosto alla Torre delle Saline di Albinia con il piano recital di Leonel Morales, pianista cubano di levatura internazionale, dal titolo “Masters of Russian Music”. Dunque la musica dei grandi compositori russi, da Rachmaninov a Scriabin, chiuderà il cartellone di Orbetello Piano Festival con un saggio della migliore letteratura pianistica affidata ad un illustre interprete di queste pagine.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 11 Luglio 2015. Filed under In primo piano,Musica,Musica, cinema e spettacoli. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.