Informativa sull'uso dei cookie

Toscana Terra Etrusca, nuovo prodotto turistico omogeneo della Toscana

Promuovere il territorio della Toscana attraverso i suoi antenati più illustri, gli Etruschi: è l’obiettivo di Toscana Terra Etrusca, il nuovo Prodotto Turistico Omogeneo della Regione Toscana presentato a Firenze a TourismA 2019, il Salone dedicato al turismo e all’archeologia.

Il prodotto turistico omogeneo è uno degli strumenti di governance del turismo in Toscana messi a disposizione dei comuni grazie alla legge regionale del 2016: si tratta dell’unione di più comuni che decidono di cooperare per la valorizzazione e promozione di un prodotto turistico ben definito. Ogni PTO ha un comune capofila e un Osservatorio Turistico di Prodotto che valuta l’andamento e la resa del prodotto ai fini turistici.

Il primo prodotto turistico omogeneo lanciato dalla Regione Toscana è stata la Via Francigena: adesso tocca agli Etruschi.

Sono 34 i comuni già coinvolti: Abbadia San Salvatore, Asciano, Capalbio, Castiglion Fiorentino, Castiglione della Pescaia, Castiglione d’Orcia, Chianciano Terme, Cinigiano, Civitella Val di Chiana, Civitella Paganico, Cortona, Foiano della Chiana, Gavorrano, Grosseto, Lucignano, Monte Argentario, Monte San Savino, Montepulciano, Monteroni d’Arbia, Murlo, Pienza, Pitigliano, Roccastrada, San Cascianod ei Bgani, San Quirico d’Orcia, Santa Fiora, Sarteano, Scansano, Semproniano, Sinalunga, Torrita di Siena, Trequanda e Chiusi, quest’ultimo comune capofila.

“Oggi si conclude un percorso iniziato nel 2015 con il progetto Experience Etruria – ha spiegato Chiara Lanari, vicesindaco di Chiusi, presentando il PTO – Nel 2016 abbiamo creato il Distretto Turistico dell’Etruria Meridionale, che all’epoca riuniva 41 comuni, tra Toscana e Lazio. I comuni toscani rientrano oggi nel nuovo prodotto turistico omogeneo ed altri potranno unirsi: il prodotto infatti è aperto e i comuni toscani che risponderanno ai requisiti base del disciplinare potranno quindi farne parte”.

Toscana Terra Etrusca è il primo prodotto turistico omogeneo di tipo culturale sul quale la Toscana scommette: un progetto che, nella fase operativa, deve però ancora prendere forma.

La prima fase sarà infatti la mappatura del patrimonio etrusco presente nei comuni aderenti, tra siti e musei, per capire quanti e quali sono, che tipo di servizi offrono e che indotto producono; una volta terminata questa fase sarà la volta dello studio del marketing e della promozione turistica. Il tutto da realizzarsi in collaborazione con Toscana Promozione Turistica, agenzia regionale della Toscana, che erogherà i finanziamenti: al momento sono stati stanziati dalla Regione 35.000 euro.

Nel frattempo Toscana Terra Etrusca si presenta a Tourisma 2019 con un proprio stand che riunisce il materiale informativo prodotto dai vari comuni aderenti.

Ascolta l’intervista a Chiara Lanari su Toscana Terra Etrusca

Da tempo la Toscana lavora alla promozione del patrimonio etrusco: dalla creazione di itinerari, depliant e guide a tema, al videogioco MiRasna, realizzato da Entertainment Game Apps, oggi tra i 100 giochi di strategia più scaricati in Italia, fino al libro da colorare per ragazzi “Toscana all’ombra degli Etruschi”, realizzato da Pacini Editore e al podcast “Il vaso della Concordia”, questi ultimi presentati poche settimane fa in occasione di BIT 2019.

Condividi il post

Google1
Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 22 Febbraio 2019. Filed under Cultura,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.