Informativa sull'uso dei cookie

Nuovo allestimento per il Museo dell’Opera del Duomo di Pisa

museo dell'opera del duomo di pisa

Un nuovo allestimento finalizzato alla piena comprensione dell’evoluzione dell’arte pisana da parte di tutti: ha riaperto oggi con questa nuova veste il Museo dell’Opera del Duomo di Pisa, in piazza del Duomo.

La struttura museale, inaugurata nel 1986 nell’antico Seminario Vescovile, è stata completamente ristrutturata e riallestita, grazie ad un progetto affidato a studiosi e restauratori guidati dal professor Marco Collareta, con il coinvolgimento di due studi di architettura, Natalini e Magni&Guicciardini.

Il museo dell’Opera del Duomo di Pisa raccoglie e conserva capolavori provenienti dai monumenti della Piazza del Duomo, a partire dal XII secolo. In questo luogo infatti si incontrarono culture artistiche diverse, da quelle d’oltralpe a quelle islamiche, che nel secolo XIII, con l’arrivo di Nicola Pisano, videro nascere una stagione di sperimentazione nell’ambito della scultura che portò poi alla grande arte rinascimentale.

E’ proprio per raccontare questa straordinaria storia ad un pubblico vasto che nasce l’idea del nuovo allestimento museale. Come si legge nel comunicato stampa, la disposizione delle opere non è più pensata solo dal punto di vista cronologico ma per monumento e luogo di appartenenza. In questo modo il museo racconta non solo la storia di ogni singola opera, ma dell’intera piazza.

Il Museo dell’Opera del Duomo si sviluppa su 3000 mq interni, disposti su due piani, e su una porzione del porticato esterno. In tutto trovano collocazione 380 opere, suddivise in 26 sezioni. Un apposito apparato didascalico e postazioni multimediali realizzate dal laboratorio PERCRO della Scuola Sant’Anna di Pisa, facilitano la lettura del percorso espositivo.

Il percorso si arricchisce anche di nuove opere restaurate: tra queste, il Trittico della Madonna in trono e santi, tempera e oro su tavola realizzata da Spinello Aretino o la corona, lo scettro, il globo e un raffinatissimo drappo dell’Imperatore Enrico VII recuperati in occasione della ricognizione della sua tomba effettuata nel 2014.

Per rendere più fluido il percorso, è stato realizzato anche un nuovo scalone che collega il piano terra al piano primo ed è stato ridisegnato lo spazio antistante l’ingresso principale, dotato di una rampa così da renderlo completamente accessibile.

A chiudere il percorso è il chiostro che si affaccia sul Campanile e che conserva al piano terra le statue raffiguranti la Madonna con Bambino, gli Evangelisti e i Profeti, scolpiti da Giovanni Pisano per il Battistero, ed ora inseriti nel nuovo allestimento che “riprende” la suggestione delle trifore del monumento, dove originariamente erano collocate.

Grande attenzione è stata riservata anche agli aspetti di conservazione e sicurezza delle opere. In particolare, l’azienda milanese Goppion, nota per aver progettato le vetrine della Gioconda e dei gioielli della Corona d’Inghilterra, ha realizzato una trentina di nuove vetrine, personalizzate in relazione agli oggetti e alle sale, dotandole di  sistemi di controllo dell’umidità e della qualità dell’aria, oltre che di sofisticati sistemi di allarme.

Il museo dell’Opera del Duomo di Pisa è aperto tutti i giorni con il seguente orario:
8-20, fino al 3 novembre
9-19 fino al 22 marzo
8-20 dal 23 marzo fino al 1 novembre 2020

Il biglietto può comprende anche la visita a Battistero, Camposanto e Museo delle Sinopie.

Durante il mese di novembre, ogni martedì alle ore 10.30 e alle ore 17.30, sarà possibile prenotare una visita guidata gratuita. Per usufruire del servizio è necessario prenotarsi via email all’indirizzo mod@opapisa.it e attendere mail di conferma da parte della Segreteria dell’Opera entro il giorno prima della visita.

Per maggiori info è possibile consultare il sito dell’Opera Primazionale di Pisana.

Crediti fotografici
Ph Nicola Gronchi per Opera della Primaziale Pisana

Condividi il post

Google1
Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 18 Ottobre 2019. Filed under Cultura,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.