Archivi

Informazione in Toscana: “Spazi Fluidi”, focus su 51 testate online

toscana-online

Firenze – “Spazi Fluidi” è il titolo del volume che raccoglie il primo censimento organico delle testate online in Toscana. Si tratta del primo studio del genere in Italia.

Lo hanno realizzato il Corecom regionale in collaborazione con l’Università di Firenze, l’Ordine regionale dei Giornalisti della Toscana e l’Associazione Stampa.

La ricerca, annunciata mesi fa dal presidente Corecom toscano, Sandro Vanniniè stata presentata ieri a Firenze nella sala Gonfalone del Consiglio regionale.

Cinquantuno le testate online (tra le quali c’è anche la nostra) analizzate e scelte – ha spiegato il coordinatore della ricerca Carlo Sorrentino, docente di Sociologia all’Università di Firenze – incrociando i database del Corecom per le testate registrate al Roc (Registro degli operatori della comunicazione, ndr), dell’Agcom e dell’Assostampa.

Dodici testate, sulle cinquantuno prese in esame, sono state oggetto di un ulteriore focus perché “ritenute emblematiche sia per la rappresentatività territoriale delle differenti province toscane sia perché esemplificative di modalità diverse di interpretazione del giornalismo online”.

Si tratta di Arezzo Notizie, Dilettanti Toscana, Fiorentina.it, Go News, InToscana.it, Lo schermo, Notizie di Prato, Nove da Firenze, ObiettivoTre, Siena News, Valdarno Post.

toscana-online-censimento

Firenze è la città nella quale sono presenti più testate online (11), seguita da Lucca (5), da Livorno e Siena (4). In totale sono 15 quelle che coprono l’intero territorio regionale.

“E’ emersa una realtà – ha spiegato Sorrentino –  composta da un interessante numero di testate, che assolvono spesso efficacemente ad alcune delle principali logiche giornalistiche, quale la frequenza degli aggiornamenti e la sintesi informativa”.

Il 63% delle testate accompagna le notizie con video e il 41% con audio. Il 90% prevede la possibilità di commentare le notizie pubblicate, l’86% l’invio di email. Quasi tutte fanno uso dei social network, in particolare di facebook (90%) e Twitter (72,5%).

Alla presentazione della ricerca “Spazi Fluidi” è intervenuto anche l’assessore alla presidenza della Toscana, Vittorio Bugli che ha confermato l’interesse della Regione per l’informazione online che cresce ma fatica a trovare un proprio modello di business che le permetta si sostenersi.

tag cloud

A questo proposito nelle prossime settimane, ha ricordato Bugli, sarà pubblicato il bando regionale da tre milioni di euro per progetti di qualificazione aziendale o nuovi investimenti per aziende che assumeranno; saranno inoltre previsti sgravi sull’Irap per le aziende (di altri settori) che vogliano partecipare al capitale delle imprese di comunicazione.

Interessante la proposta lanciata in sala dal vicepresidente Bugli che a giornalisti ed editori chiede di costruire un tavolo comune con la Regione in vista della partita dei fondi strutturali europei che usciranno nei prossimi mesi e sui quali occorrerà fare informazione.

A conclusione del convegno è intervenuto il sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli che ha sottolineato il forte legame delle testate web con le comunità e i territori di riferimento ed ha confermato a breve gli Stati generali dell’editoria.

Nel corso del dibattito sono intervenuti, tra gli altri, il presidente dell’Associazione Stampa Toscana Paolo Ciampi, il direttore del Corriere Fiorentino Paolo Ermini, il caporedattore TGR Rai Toscana Franco De Felice.

Chi volesse consultare la ricerca può scaricarla (in pdf): Spazi Fluidi

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 18 Giugno 2014. Filed under In primo piano,O3 Web Notizie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *