Archivi

Archiviata l’idea del nuovo padiglione nel carcere di Sollicciano (Fi)

Firenze – Il Garante per i Diritti dei detenuti del Comune di Firenze, Franco Corleone, dopo il nuovo suicidio avvenuto nel carcere fiorentino di Sollicciano, dove il 23 aprile scorso si è tolto la vita il detenuto Giuseppe Palumbo, 34 anni, ha presentato oggi il resoconto dell’incontro con il vice capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, il Consigliere Santi Consolo.

“Dopo aver parlato con il Consigliere – ha spiegato Corleone – mi sembra che le obiezioni presentate sull’ipotesi di costruire un nuovo padiglione da 200 posti nel carcere di Sollicciano siano state recepite positivamente e quindi l’idea pare archiviata”.

“Domani comunque – ha aggiunto Corleone – si terrà a Bologna una riunione di tutti i Garanti d’Italia: in quell’occasione proporrò uno sciopero della fame per protestare contro le mancate misure alternative per i detenuti tossicodipendenti, che da tempo vengono chieste per combattere il sovraffollamento”.

Secondo Corleone il sovraffollamento “è dovuto alla legge sulle droghe, sulla recidiva e alla criminalizzazione dell’immigrazione. I tossicodipendenti non vengono curati e una volta usciti rientrano in carcere perché aumenta la recidiva. Occorrono – ha spiegato – altre soluzioni per la detenzione sociale”.

Il garante ha infine parlato del carcere di Empoli, dove doveva essere realizzato il primo istituto penitenziario per transgender. “Ho saputo che l’opposizione a tale iniziativa arriva dal Ministro Alfano e che l’idea attualmente sarebbe quella di farlo tornare ad essere un carcere per sole donne. Di fatto però – ha continuato Corleone – resta chiuso e questo a mio avviso, dopo mille ipotesi fatte, mi sembra incredibile”.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 28 Aprile 2010. Filed under In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.