Informativa sull'uso dei cookie

Weathering with you: oltre 45.000 spettatori in Italia per l’anime di Makoto Shinkai

La cassiera del cinema è lapidaria: due sole scelte, o le file vip oppure in alto ma lungo scala. Non credevo che la sala 4 dell’UCI di Firenze, dove si tiene l’ultima proiezione del film di animazione Weathering with You, fosse quasi piena, e invece è così!

Un pubblico eterogeneo, dai ventenni ai quarant’anni, anche se la percentuale è decisamente sbilanciata in favore dei primi. Tutti questi giovani sono venuti a vedere l’ultima opera di Makoto Shinkai, animatore e regista giapponese, da molti considerato l’erede di Hayao Miyazaki. In Giappone il suo ultimo anime è già entrato nella classifica dei 10 film più visti, oltre ad essere il più visto del 2019.

In Italia Weathering with you, distribuito da Nexo Digital e Dynit, è stato proiettato solo tre giorni, dal 14 al 16 ottobre ma ha visto accorrere nei cinema oltre 45.000 spettatori. Un successo che ha già portato ad annunciare un bis per il prossimo 5-6 novembre.

Se i numeri non vi sembrano così strabilianti, pensate che nel 2000 alla proiezione del film di animazione “Mononoke Hime” di Hayao Miyazaki, ancora oggi tra i primi 10 per incassi in Giappone, a Firenze non arrivavamo a dieci spettatori.

Segno evidente che sono lontani i tempi in cui i “cartoni animati” giapponesi venivano considerati “roba da bambini” e attiravano al cinema solo pochi appassionati. Oggi per un ventenne è evidentemente normale spendere 11 euro per venire a vedere anche un film di animazione.
Merito probabilmente di una generazione cresciuta con la saga dei film Marvel, che hanno sdoganato i fumetti, non solo americani, e/o di eventi come Lucca Comics che ormai ogni anno richiama oltre 250.000 persone.

Lo si capisce proprio ascoltando questi giovani spettatori, in rigoroso silenzio durante tutta la proiezione del film ma assai loquaci nell’intervallo. Parlano di Ironman e Capitan America ma anche di anime giapponesi, come la Città Incantata di Miyazaki, primo a vincere l’Oscar, e di Your Name, la precedente opera di Shinkai, uscita nel 2016 e distribuita in Italia dalla piattaforma Netflix.

Your Name è a mio parere un piccolo capolavoro, al quale cerca di rifarsi anche Weathering with You, soprattutto per certe atmosfere oniriche e per le difficoltà dei due protagonisti a stare insieme. Non a caso durante la proiezione, durata quasi 2 ore, il pubblico più giovane ha sobbalzato solo quando hanno fatto la loro comparsa, in due piccoli cammei, proprio i protagonisti di Your Name.

Entrambi i film prendono sicuramente spunto dalla cinematografia di Hayao Miyazaki, soprattutto nell’amore per la natura e nella poesia del racconto ma, allo stesso tempo, se ne differenziano notevolmente.

Manca infatti quell’impegno sociale che si ritrova in molti film di Miyazaki (la difesa della natura, l’odio per la guerra, l’affermazione del diverso etc), così come l’evoluzione della figura del protagonista. Nei film di Shinkai invece l’aspetto che prevale è quello dei sentimenti, probabile riflesso di una nuova generazione, meno impegnata socialmente e più pronta a guardarsi dentro.

Quegli stessi sentimenti che, in Wheatering with You, alla fine arriveranno a prevalere, influenzando così la conclusione della storia: invece del bene comune si sceglierà la propria felicità, soggiogando la natura e arrivando così a “cambiare il mondo” per sempre.

Insomma, nuovi valori individualistici che probabilmente rispecchiano nuove generazioni di pubblico, visto il successo dell’opera. Segno che i tempi sono sicuramente cambiati, rispetto alla generazione Miyazaki.

E mentre mi perdo tra queste riflessioni, uscendo dal cinema, mi resta comunque la soddisfazione di avere assistito, in questi venti anni, all’evoluzione del rapporto tra Italia e animazione giapponese: dalla definizione comune di “cartoni animati” per pochi, siamo finalmente arrivati a considerarli “film di animazione” capaci di riempire le sale dei cinema.

Era ora!

Condividi il post

Google1
Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 17 Ottobre 2019. Filed under Eventi,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.