Archivi

In Toscana la crisi frena anche l’imprenditoria femminile

Firenze – La crisi economica colpisce anche la Toscana in rosa.

A differenza dell’aumento del 4,1% registrato dal 2009 al 2011, il primo trimestre 2012 vede una battuta di arresto dello sviluppo delle imprese femminili in Toscana, che restano ferme al 24% del totale delle imprese (99.395 unità su 414.885).

Si tratta di un risultato sempre migliore comunque di quello dell’imprenditoria maschile (-0,5% pari a 1.728 unità perse in dodici mesi), contro il calo di sole 9 aziende femminili.

I dati sono stati elaborati dall’Osservatorio sulle Imprese femminili di Unioncamere Toscana.

A livello territoriale si notano andamenti eterogenei: l’imprenditoria femminile continua a svilupparsi all’interno della Toscana, con la provincia di Arezzo in testa (+2,0%), seguita da Pistoia e Prato (+0,6 e +0,5%), mentre le province costiere registrano una forte diminuzione: -1,7% a Livorno e -1,2% a Lucca.

La maggior parte delle aziende “in rosa” della Toscana opera nel settore del commercio (il 27,7%) e dei servizi (il 37,3%), dove sono nate 260 nuove imprese da marzo 2011 a marzo 2012, fra attività turistiche di alloggio e ristorazione e aziende di informazione e comunicazione. Calano le imprese rosa nel commercio (-0,5%) e in agricoltura (-1,5%).

Anche il manifatturiero, dove le imprese gestite da donne sono il 12,7%, registra una diminuzione (-0,7% pari a -84 unità) che abbraccia gran parte delle attività – eccetto cuoio-calzature ed installazioni-riparazioni d’impianti – e colpisce soprattutto la filiera del tessile-abbigliamento (-87 aziende).

Da segnalare come le imprese femminili continuino ad essere mediamente più giovanili di quelle maschili: il 10,7% di imprese femminili è guidato da under 35 contro il 9,2% di quelle maschili, nonostante un calo del 2,2% (-239 unità) delle imprese femminili giovanili a marzo 2012.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 27 Giugno 2012. Filed under Economia. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.