Archivi

Pitti Filati numero 74: al via da stamani alla Fortezza da Basso

 

Pitti Filati (foto d'archivio)

Pitti Filati (foto d’archivio)

Firenze – Da questa mattina fino al 24 gennaio la Fortezza da Basso di Firenze ospita la 74esima edizione di Pitti Filati.

Un’edizione molta attesa visti i dati diffusi dal Sistema Moda Italia alla vigilia dell’evento fiorentino. Dopo il calo accusato nel 2012 (-7,8%), l’industria della filatura italiana dovrebbe infatti rallentare il ritmo di caduta (-2,1%): il 2014 dovrebbe essere l’anno in grado di riportare in territorio positivo il comparto.

A Pitti Filati numero 74 saranno presenti 102 marchi di cui 18 esteri, per presentare l’anteprima mondiale delle collezioni di filati per maglieria per la primavera/estate 2015.

Tante le novità: dai filati aerei per leggeri con l’interno cavo a quelli ecologici i cui colori vengono ottenuti da erbe, fiori, foglie, bacche e radici di piante officinali.

Pitti immagine uomo ingresso fortezza

Per risollevare il settore dalla crisi sono attesi soprattutto i compratori esteri, 1.500 all’edizione di gennaio 2013 (40,5% del totale), in arrivo dai principali mercati di riferimento: Germania, Gran Bretagna, Francia, Stati Uniti, Spagna, Giappone, Turchia Svizzera, Olanda, Hong Kong, Russia e Svezia.

A questa edizione lo Spazio Ricerca è dedicato al tema del gioco con Play, con la direzione artistica del fashion designer Angelo Figus e dell’esperta in maglieria Nicola Miller e l’allestimento di Alessandro Moradei. Nel progetto sono coinvolti alcuni studenti di maglieria provenienti da cinque scuole di moda internazionali.

E’ dedicata invece ai videogiochi di vecchia data, come la console Atari 2600 o il Commodore 64, la mostra mercato Vintage selection, alla Stazione Leopolda in contemporanea con Pitti Filati.

 

 

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 22 Gennaio 2014. Filed under Economia,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.