Archivi

Patto di stabilità: 33 milioni di euro da spendere per Comuni e Province toscane

Firenze – Arriva una boccata d’ossigeno per molti Comuni e Province toscane che potranno spendere i soldi che hanno in cassa, bloccati dal Patto di stabilità.

Si tratta di 33 milioni di maggiore spesa concessa dalla Regione. “Non è la soluzione di tutti i problemi ma si tratta comunque di una boccata di ossigeno importante: per gli enti locali e per far ripartire l’economia, i cantieri e i progetti in corso” ha spiegato l’assessore della Toscana al bilancio e al rapporto con gli enti locali Vittorio Bugli.

I soldi sono da destinare ad investimenti e la Giunta ha stabilito anche come dovranno essere ripartiti: ieri c’è stata l’approvazione delle delibera che stabilisce quanto ciascun Comune e Provincia potrà spendere in più senza sforare il Patto di stabilità.

La novità più importante che il denaro potrà  essere destinato agli investimenti e non solo al pagamento di debiti.

Dei 33 milioni liberati dalla giunta un quarto (8 milioni e 312 mila euro) andrà alle Province, da utilizzare prioritariamente per interventi sulle strade ed altre opere strategiche in corso.

Tutte e dieci le Province toscane ne usufruiranno.

La giunta ha poi deciso di accantonare 4 milioni per particolari situazione di emergenza di piccoli Comuni: quelli tra 1.000 e 5.000 abitanti, visto che sotto 1.000 il patto non si applica.

Altri 10 milioni e 410 mila euro andranno sempre ai Comuni tra 1.000 e 5.000 abitanti (98 amministrazioni) ed altrettanto ai Comuni più popolati con più di 5.000 abitanti (139).

Per i 33 milioni di capacità di spesa ulteriore ceduta lo Stato riconoscerà alla Regione un contributo straordinario, per il 2013, pari a 27 milioni e 708 mila euro.

Nell’occasione la Regione, le Province ed i Comuni sono tornati a chiedere di rivedere il Patto di stabilità. Il patto di stabilità – ha detto l’assessore regionale Vittorio Bugli – è diventato un problema non solo per gli enti locali ma anche per la Regione: dal 2012 la Toscana ha subito tagli al patto per 300 milioni. “Di conseguenza – ha concluso Bugli – riusciremo a realizzare solo parte degli investimenti previsti e necessari”.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 26 Giugno 2013. Filed under Economia. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.