Archivi

Oltre 100 alloggi recuperati in Toscana per stranieri in difficoltà

Firenze – 16 unità abitative con 60 posti letto, per un totale di 1.100 mq da destinare ad un accoglienza di “tipo comunitario’”; 13 alloggi recuperati oltre a 2 nuovi acquistati per un totale di 1.250 mq da gestire come alloggi per periodi brevi per famiglie o gruppi sotto sfratto: sono sono alcuni degli interventi effettuati dalla Regione Toscana nell’ambito del progetto “Abitare il mondo” lanciato nel 2008 con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

Il progetto prevede la realizzazione di alloggi per circa mille famiglie straniere in difficoltà e una serie di azioni di assistenza e informazione da parte delle Agenzie Sociali sul territorio della Toscana. Circa tre milioni e mezzo di euro il finanziamento messo in campo da parte di Ministero, enti locali e Regione.

Tra i risultati ottenuti oltre ai 31 alloggi già elencati, altri 86 reperiti grazie ad una gestione di parternariato pubblico-privato.

Per quanto riguarda l’azione di accompagnamento sono state 81 le famiglie aiutate nell’inserimento abitativo e sociale. Oltre 600 le persone che hanno potuto contare sull’attività di mediazione linguistico–culturale e altre 600 quelle che hanno avuto assistenza di tipo legale-amministrativo. Più di 1000 i percorsi di accompagnamento per ovviare alle difficoltà di avvicinamento al mercato immobiliare e 306 i contratti stipulati.

Sono stati erogati 220 mila euro di sussidi in favore di circa 90 famiglie per potersi permettere un alloggio in affitto a prezzi di mercato, e oltre 270 mila euro messi a disposizione di circa 160 famiglie a titolo di fondo di garanzia.

Un’ulteriore azione è stata quella di informazione, con la distribuzione di 30 mila opuscoli redatti in sette lingue con gli indirizzi, i numeri e le informazioni sugli sportelli dove rivolgersi.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 20 Maggio 2011. Filed under Economia. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.