Archivi

Lavoro: una “dote” per favorire le riassunzioni

Firenze – Prima si usava darla alle future spose. Oggi, in tempo di crisi, in Toscana la “dote” viene data ai lavoratori o lavoratici licenziati.

L’idea, spiegata dall’assessore regionale alle attività produttive lavoro e formazione, Gianfranco Simoncini, nasce appunto “a fronte di una crisi che purtroppo non è ancora finita e di un 2013 che si prospetta ancora difficile. Si è pensato ad arricchire la strumentazione già esistente con una misura ulteriore, un pacchetto completo ed integrato, che coniuga il tradizionale meccanismo degli incentivi, agli interventi sulla leva fiscale e comprende anche l’ambito formativo. Una vera e propria dote, insomma, finanziata con consistenti risorse, per rendere davvero appetibile per le aziende l’assunzione di lavoratori e lavoratrici in mobilità o licenziati e dare a questi una nuova opportunità di entrare nel mercato del lavoro”.

La dote è stata inserita nella delibera, approvata dalla giunta regionale il 17 dicembre 2012, all’interno degli interventi a sostegno dell’occupazione che sono stati rifinanziati per il 2013.

Il bando, di cui la dote costituisce la principale novità ma che come si è detto comprende l’intero ventaglio degli interventi a sostegno dell’occupazione, sarà pubblicato a breve. Le risorse disponibili sono complessivamente 13 milioni di euro.

In dettaglio, la dote consiste in un pacchetto integrato di agevolazioni per favorire il reingresso nel mercato del lavoro di lavoratori e lavoratrici in mobilità e licenziati, che comprende: l’incentivo per l’assunzione a tempo indeterminato full time o part time pari rispettivamente a 8.000 e 4.000 euro; un voucher formativo aziendale per qualificare o riqualificare le persone assunte, fino ad un massimo di 3.000 euro; la possibilità di usufruire della deduzione dalla base imponibile dell’Irap delle spese sostenute per il personale dipendente assunto a tempo indeterminato nell’anno 2013, come previsto dalla Finanziaria regionale 2013 approvata a fine dicembre.

Va ricordato che comunque in Toscana c’è stato un modesto aumento dell’occupazione nel terzo trimestre dello scorso anno: +0,7% rispetto al corrispondente trimestre 2011. Il tasso di occupazione è risalito al 64,5% rispetto al 63,9% di un anno prima e al 64% del secondo trimestre. Il tasso di disoccupazione toscano è fermo al 7,3%.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 14 Gennaio 2013. Filed under Economia,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.