Archivi

In Toscana più di 300 milioni di euro in 3 anni per i giovani

Firenze – Sono loro, i giovani, anche secondo le statistiche nazionali, ad avere maggior bisogno di aiuto e stimolo in questo momento di grave crisi economica.

Non trovano lavoro, quelli che ce la fanno sono spesso sottopagati, hanno sempre più difficoltà a crearsi quindi una vera e propria indipendenza e il futuro è davvero sempre più incerto.

La Regione Toscana ha quindi presentato un progetto al Consiglio regionale dal titolo “Giovani sì”, proprio improntato all’autonomia delle nuove generazioni sulla base del merito nello studio e nell’attività lavorativa.

Si tratta di un pacchetto di opportunità di livello europeo, finanziato da risorse regionali, nazionali e comunitarie, integrabile anche da ulteriori fondi di enti locali e soggetti pubblici e privati. Oltre 334 milioni di euro tra il 20011 e il 2013 per misure che verranno modulate attraverso delibere specifiche entro il 1° giugno.

“Per la prima volta il consiglio regionale discute la questione giovanile – ha detto il presidente della Regione, Enrico Rossi – e questo è il segno della svolta che vogliamo imprimere, della sfida che proponiamo a tutta la società toscana”.

Sono di questi giorni i dati Eurispes che fanno pensare: il 50% dei giovani italiani tra i 25 e i 34 anni dichiara che si trasferirebbe volentieri all’estero. Il 40% ritiene una sfortuna risiedere in Italia, dove un terzo di giovani sono disoccupati. Il primo dei mali italiani indicato dai giovani è la precarietà del lavoro.

Il progetto prevede un piano casa per tutti quei giovani che intendono “uscire” dal nucleo familiare, borse di studio e sostegno alla mobilità degli studenti universitari, prestiti d’onore per percorsi di alta specializzazione, l’avvicinamento al lavoro attraverso il Servizio Civile, un programma regionale di stages retribuiti e l’assunzione di giovani laureati.

Figurano anche finanziamenti per l’imprenditoria giovanile, il microcredito, contributi per la mobilità all’estero e progetti di mobilità transnazionale/settoriale.

Per conoscere nel dettaglio il progetto clicca qui.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 2 Febbraio 2011. Filed under Economia. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.