Archivi

Emergenza casa in Toscana: a Lucca 100 alloggi per famiglie in difficoltà

Firenze – Ristrutturare 100 alloggi da destinare a famiglie in difficoltà della provincia di Lucca: è quanto prevede il protocollo d’intesa siglato oggi tra Regione Toscana, Provincia di Lucca, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e Fondazione Casa Lucca.

Obiettivo dell’accordo è quello di predisporre un piano di social housing, o housing sociale, che permetta di recuperare un centinaio di alloggi da affittare a prezzi contenuti a famiglie in difficoltà: 50 ad affitto agevolato, per un periodo di 25 anni, e gli altri 50 cosiddetti “di transizione”, cioè per rispondere a situazioni di particolare emergenza.

Il costo complessivo del progetto per Lucca è di circa 12 milioni di euro, di cui 3,8 provenienti dalle casse regionali ed il resto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

L’idea della Regione è quella di fornire così una risposta tampone a tutti quei comuni che, negli ultimi mesi, si sono trovati di fronte ad un numero di casi di emergenza abitativa senza precedenti: a cominciare da Viareggio, dopo la tragedia del 29 giugno 2009 in via Ponchielli.

Il Social Housing infatti è utilizzato soprattutto nel nord europa dove le istituzioni mettono a disposizione case a prezzi contenuti per venire incontro proprio a situazioni di disagio.

“Abbiamo deciso di creare questo percorso tra pubblico e privato per cercare di dare una risposta innovativa all’emergenza abitativa che caratterizza la provincia lucchese – ha detto l’assessore al welfare e alla casa Salvatore Allocca – Sappiano che il disagio di Lucca è comune a tutta la Toscana, dove si contano 2500 sfratti eseguiti solo nel 2010. L’impegno della Regione è mirato a garantire il diritto di un’abitazione a tutti coloro che non possono permettersela”.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 14 Dicembre 2010. Filed under Economia,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.