Archivi

Crisi economica: dalla Regione Toscana 4 milioni di euro per l’emergenza casa

Firenze – Sono sempre di più anche in Toscana le persone che vengono sfrattate per morosità: si tratta di soggetti che non pagano a causa di un reale stato di difficoltà sopraggiunto con la crisi economica.

Nel 2010 si contavano 5.023 provvedimenti di sfratto emessi di cui solo 564 per finita locazione, mentre ben 4.336 per morosità.

Proprio per aiutare queste persone la Regione Toscana ha attivato un fondo da 4 milioni di euro.

Il contributo, una misura straordinaria, sarà dunque erogato, tramite i Comuni, per venire incontro a tutti coloro che stanno vivendo una situazione economica difficile e non possono perciò pagare l’affitto: chi ha perso il lavoro, chi è stato messo in mobilità o in cassa integrazione, chi ha dovuto chiudere l’attività, chi è stato colpito da una malattia grave, da un infortunio o dal decesso di un componente della famiglia che ha provocato la riduzione del reddito.

“Questa misura – ha spiegato l’assessore regionale al welfare e alle politiche per la casa Salvatore Allocca – è il segnale di una Regione che si sta impegnando con forza, cercando di sfruttare al massimo le risorse disponibili per affrontare le difficoltà pesantissime imposte da un’emergenza che ho già avuto modo di definire da “codice rosso””.

“Bisogna tener presente – ha concluso – che i nostri interventi si inseriscono in un contesto dove il fondo nazionale per i contributi integrativi al pagamento dei canoni di locazione si è progressivamente ridotto passando dai 23,5 milioni del ’99 ai 628mila euro del 2012. E dove il già debole sistema nazionale delle politiche abitative non ha retto davanti alla crisi economica che ha colpito i redditi da lavoro e da pensione sempre più insufficienti a reggere le dinamiche del libero mercato degli affitti”.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 6 Dicembre 2011. Filed under Economia,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.