Archivi

Contributi affitto per i giovani in Toscana: al via la prima tranche

Firenze – Riuscire ad andare a vivere da soli. Questo per molti giovani al giorno d’oggi è sempre più un sogno, tra problemi di lavoro e di accesso ai mutui. A chi però sceglie di andare in affitto la Regione Toscana ha deciso di dare una mano.

Sono infatti circa 10mila i giovani potenzialmente interessati al nuovo pacchetto di interventi approvato dalla Giunta regionale toscana previsto nella legge finanziaria del 2011 per complessivi 45 milioni di euro, da erogare nel triennio 2011-2013.

Ai primi di novembre verrà aperto il bando per l’assegnazione della prima tranche di 15 milioni di euro e gli interessati avranno 60 giorni di tempo per presentare la domanda.

L’intervento è diretto ai giovani in età compresa tra i 25 ed i 34 anni (con priorità per la fascia 30-34 anni), residenti in Toscana da almeno 5 anni presso il nucleo familiare di origine.

E’ previsto un contributo variabile da 1.800 a 4.200 euro all’anno (da un minimo di 150 ad un massimo di 350 euro al mese) a seconda delle fasce di reddito e tenendo conto della presenza e del numero di figli.

I fondi verranno distribuiti a chi contrae un regolare contratto di affitto, non transitorio, nel territorio toscano, singolarmente o in qualunque forma di convivenza e con priorità per le coppie con figli.

La durata massima del finanziamento è di tre anni. Per ogni contratto di locazione è ammesso un unico contributo.

Tra i requisiti richiesti figura anche la titolarità di un reddito complessivo Irpef non superiore a 35mila euro e appartenenza ad un nucleo familiare di origine con un reddito non superiore a 40mila euro (Isee) alla data di presentazione della domanda di contributo. I redditi sono quelli riferiti all’anno precedente a quello di presentazione della domanda.

L’intervento riguarda single, coppie sposate o di fatto, e gruppi di giovani.

Il contributo sull’affitto sarà più alto se la fascia di reddito a cui appartiene il giovane o la coppia o il gruppo è più bassa. Diminuisce con l’aumentare del reddito. Tre le fasce di reddito: minima, intermedia e massima. Inoltre il contributo aumenta con il numero di figli.

La delibera della giunta regionale e i requisiti sono pubblicati sul sito www.giovanisi.it, ma per avere informazioni si può anche telefonare al numero verde 800 098719.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 12 Ottobre 2011. Filed under Economia. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.