Archivi

A Firenze il biglietto dell’autobus si compra con un sms

Firenze – La città di Firenze è la prima in Italia in cui da oggi è possibile salire sull’autobus col biglietto presentabile direttamente dal telefonino.

Sulle linee del trasporto pubblico urbano gestite da Ataf, parte infatti il servizio di Mobile Ticketing realizzato dai quattro principali operatori di telecomunicazioni in collaborazione con Ericsson.

Il servizio consente di acquistare il biglietto dell’autobus attraverso il credito telefonico inviando un semplice sms ed è già disponibile per i clienti Tim, Vodafone, Wind e, a breve, anche per quelli di 3 Italia.

Ataf è la prima azienda di trasporto in Italia a mettere a disposizione dei propri passeggeri un servizio accessibile da cellulare e smartphone per l’acquisto del biglietto dell’autobus in forma elettronica: finalmente si potrà scalare il costo del titolo di viaggio direttamente dal credito telefonico, senza bisogno di registrazioni o di operazioni aggiuntive.

L’acquisto e la validazione del biglietto elettronico avvengono in maniera semplice e immediata: è sufficiente inviare un sms contenente il testo ATAF al numero breve 4880105 prima di salire sull’autobus.

Il costo del biglietto è di 1,20 €, a cui si aggiunge il costo del messggio di richiesta che varia in base all’operatore di appartenenza. Il passeggero riceve dopo pochi istanti un messaggio che contiene gli estremi del biglietto elettronico come, ad esempio, l’orario di emissione e il periodo di validità. La convalida del biglietto è contestuale all’acquisto e non è quindi necessaria alcuna obliterazione.

Per le operazioni di verifica a bordo è sufficiente mostrare al controllore il codice ricevuto via sms: occorre salire a bordo avendo già ricevuto l’sms di acquisto del titolo di viaggio.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 31 Marzo 2012. Filed under Economia. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.