Archivi

Seconda sezione a Firenze della mostra “Addio, mia bella, addio. Da Curtatone a Calatafimi, i fatti d’arme che fecero l’Unità d’Italia”

Firenze – Chi ha visto la prima sezione della mostra “Addio, mia bella, addio. Da Curtatone a Calatafimi, i fatti d’arme che fecero l’Unità d’Italia” – aperta al pubblico lo scorso 23 dicembre nella Galleria dei Medici in Palazzo Medici Riccardi – non può perdersi la parte seconda dell’allestimento; agli altri le consigliamo entrambe.

Da oggi e fino al 17 marzo nelle sale della Biblioteca Riccardiana sono esposte uniformi originali, spade e sciabole, ventagli d’epoca, stampe, carteggi, giornali e volumi storici – messi a disposizione dalle Biblioteche Riccardiana e Moreniana – che illustrano, i momenti cruciali del Risorgimento italiano.

La mostra, come abbiamo detto, si articola in due sezioni, la prima nella Galleria Medicea di Palazzo Medici Riccardi che collega via Cavour a via dè Ginori e l’altra nei locali della Biblioteca Riccardiana.

Nella prima sezione una serie di plastici  con soldatini che ricostruiscono le battaglie per il processo di unificazione nazionale culminato il 17 marzo 1861 con la proclamazione del Regno d’Italia.

Nella seconda sezione della mostra aperta nei locali della biblioteca Riccardiana si possono ammirare figurini storici, uniformi e sciabole e l’uniforme garibaldina di Oreste Bertini, ufficiale medico nella III Guerra di Indipendenza (tutti oggetti appartenenti a collezioni private).

Libri e giornali, con illustrazioni e vignette, riescono a far calare il visitatore nel vivo di alcuni momenti chiave della storia, come la notizia della concessione dello statuto da parte di Ferdinando II di Borbone o da parte di Leopoldo II.

Tra le sciabole in mostra, la più particolare è quella con incise la data del 22 marzo 1848, relativa alla vittoria nelle Cinque giornate di Milano.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 14 Gennaio 2011. Filed under Cultura. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.