Archivi

Italia 150: a Monsummano Terme (Pt) una mostra dedicata al tricolore

Pistoia – “Tre colori Verde – Bianco – Rosso – Tre artisti Barale- Basetti – Dami”. Questo il titolo della mostra curata da Roberto Agnoletti, che sarà inaugurata sabato 15 gennaio alle ore 17 nelle suggestive sale del Museo d’Arte Contemporanea e del Novecento a Villa Renatico Martini di Monsummano Terme (Pt).

Saranno visibili gli articoli della Costituzione in una serie di specchi, scarti di lavorazioni e della quotidianità riutilizzati sotto forma di opere d’arte, installazioni, video e opere d’arte realizzate con varie tecniche espressive come il collage, i pastelli a cera e materiali come plexiglas, ceramica o plastiche colorate. Tutto questo con il filo conduttore dei tre colori della bandiera nazionale.

La mostra rientra nel ricco programma di eventi dal titolo “Nel segno dell’Unità”organizzati dall’amministrazione comunale per le celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia.

Da gennaio a giugno sono previsti mostre, incontri e conferenze, spettacoli teatrali, concerti, proiezioni di film sul Risorgimento.

“I tre colori della nostra bandiera – ha spiegato l’assessore alla cultura del Comune di Monsummano Terme Barbara Dalla Salda – ci portano ad una riflessione sull’oggi, ma non come affermazione individualistica ma come riconoscimento della nostra storia, del percorso sociale e civile che è sfociato dopo tante lotte e sacrifici, nella libertà. I 150 anni sono un’occasione per valorizzare tutto questo e anche l’arte come impegno civile può dare un contributo molto importante”.

La mostra è visitabile fino al 27 marzo ad ingresso libero con il seguente orario: lunedì dalle 9 alle 12, il mercoledì, giovedì e venerdì dalle 15.30 alle 18.30, sabato e domenica dalle 9 alle 12 e dalle 15.30 alle 18.30, chiusa il martedì.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 13 Gennaio 2011. Filed under Cultura. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.