Informativa sull'uso dei cookie

“Il Signor Stravideo” raccontato da Bruno Santini

 

Bruno Santini al Teatro Moderno di Tavarnuzze

Bruno Santini al Teatro Moderno di Tavarnuzze

Firenze – Strano Stravideo è un omino con due grandi occhialoni e un’ossessione: la televisione. Vuole solo guardare i programmi tv. Divano e telecomando sono diventati i suoi compagni. Guarda così tanto la televisione che ha dimenticato come si usano gli altri sensi: il gusto, l’olfatto, i suoni del mondo. Vive di sole immagini. Chi lo potrà salvare? Come potrà il signor Stravideo ritrovare i sensi perduti?

Non rispondiamo alla domanda che lasciamo aperta per coloro che avranno voglia di leggere l’originale libro “Strano il signor Stravideo” – Una storia moderna per grandi e piccini,  ultimo lavoro di Bruno Santini, attore (citiamo solo il più famoso “Il ciclone” di Pieraccioni) giornalista e scrittore.

Un’avventura divertente edita da Sarnus, nella collana “Children’s corner”, pensata per i bambini ma non solo perché un po’ tutti qualche volta ci siamo sentiti signori “Stravideo” vero Bruno Santini?

Purtroppo più di qualche volta… e chi lo nega sa di dire una bugia che gli farà allungare il naso di parecchio!

Come è nata l’idea di Stravideo e perché hai deciso di cimentarti con la scrittura per l’infanzia?

Dopo aver letto per tanti e tanti anni (in biblioteche, scuole, associazioni culturali…) ai bambini libri di tutte le trame e delle edizioni più strane ho ritenuto opportuno dar voce anche a qualcosa di mio. Se non altro questa volta non corro il rischio che l’autore mi corregga questa o quella intonazione. Ed ecco nascere il signor Stravideo dove, anzi, grazie alla particolare impaginazione, come hai visto, le parole prendono corpo e diventano prezioso suggerimento per una lettura più ricca divertente.

Un libro dalla scrittura scorrevole e garbata accompagnato dalle belle illustrazioni di Simone Frasca. Come è nata la collaborazione con Simone Frasca?

Con Simone (papà di Bruno lo zozzo!) siamo amici di vecchia data. Io ho dato molte volte ‘voce’ al suo protagonista e lui ha ricambiato dando un ‘corpo’ al mio… ed il lavoro è stato come al solito straordinario.

Hai fatto letture pubbliche per presentare il libro come è accolto dai piccoli e quali sono le domande che più frequentemente ti fanno?

Sì le mie presentazioni (a dicembre il 14 pomeriggio sono alla Misericordia di Campi Bisenzio, il 21 mattina alla Biblioteca di Quarrata e il 23 sera al Circolo La Libertà di Viaccia – Prato) sono vere e proprie letture complete e quindi a tutti gli effetti degli spettacoli e i bambini prima ascoltano divertiti… poi interagiscono giocando insieme a me e scoprono che Stravideo è molto simile al babbo, alla mamma o allo zio Alberto!

 Tu nel libro scrivi che il libro “racconta una storia che una storia che mi piacerebbe i genitori leggessero ai propri figli… ma soprattutto che i figli leggessero ai propri genitori”…

 Intanto perchè la lettura rappresenta un momento di crescita da condividere con i nostri figli e nipoti… e poi perchè il libro è pensato sì per i piccoli ma non sarebbe male che servisse anche come elemento di riflessione per i grandi.

In programma altri libri?

 Perché no! L’editore vista la buona partenza del libro (che ci tengo a ricordare trova spazio anche in 17 punti vendita Coop nello scaffale ‘Toscana da leggere” e costa solo € 4,90) ha già pensato ad una sorta di serialità. Io non ho niente in contrario, anzi non mi dispiacerebbe se da adesso in poi non fossi più quello del “Ciclone” ma quello di “Stravideo”!

E noi glielo auguriamo. Buona lettura 😉

Strano Stravideo - copertina del libro

Strano Stravideo – copertina del libro

Condividi il post

Google1
Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 7 Dicembre 2013. Filed under Cultura,In primo piano,La Biblioteca di O3. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.