Archivi

Firenze. Un monumento per Salvo D’Acquisto

scultura per salvo d'acquisto da sito comitato firenzeFirenze – Sarà inaugurato mercoledì 23 settembre alle ore 10.30 nel Prato dello Strozzino in via di Bellosguardo a Firenze, il Monumento del Vice Brigadiere dei Carabinieri Salvo D’Acquisto, realizzato dal Maestro Belarghes.

All’evento parteciperà anche il sindaco di Firenze, Dario Nardella.

Il monumento viene donato dal Comitato Salvo D’Acquisto di Firenze, in ricordo delle eroiche azioni compiute dal militare durante la seconda guerra mondiale, quando fu fucilato all’età di nemmeno 23 anni per salvare 22 cittadini inermi dalla follia delle SS.

A seguito di un concorso nel 2008, che ha visto tredici artisti impegnati nell’ideazione di un’opera scultorea per Bellosguardo sul tema del sacrificio di Salvo D’Acquisto, Arben Pazaj detto Belarghes, di nazionalità albanese, si è aggiudicato il primo premio con una scultura bronzea che esprime con particolare chiarezza la gamma dei valori dai quali può esser stato ispirato e guidato il carabiniere Salvo D’Acquisto nel sacrificio eroico di sé, con il quale ottenne la salvezza dei ventidue ostaggi.

Belarghes con Vittorio Sgarbi“Leggendo la vita di Salvo D’Acquisto – ha spiegato l’artista – si rimane colpiti dalle sue virtù umane e cristiane, che già anticipano quello che sarà il suo gesto eroico, il suo sacrificio. Un ruolo significativo ha avuto certamente l’educazione che gli ha trasmesso la madre Ines. Per questo nell’opera che propongo ho voluto fare un chiaro riferimento alla figura femminile, che si apre a significati più ampi: dalla madre che lo ha generato si passa alla Madre Terra, che tiene e terrà per sempre nel grembo e – in quest’opera – sulle spalle la vita. La Madre Terra è colei che dona la vita, una vita che può essere considerata piccola da perdere, grande da vivere. E’ su questa logica che si muove la mia opera”.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 21 Settembre 2015. Filed under Cultura,In primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.