Archivi

Cecina (Li) celebra i 150 anni de l’Unità d’Italia con un mese di eventi

Livorno – Un mese e mezzo di appuntamenti per celebrare l’Unità d’Italia: è la rassegna organizzata dalla Fondazione Culturale Hermann Geiger per rivive il Risorgimento attraverso nove appuntamenti, tra mostre, conferenze, presentazione di libri, rievocazioni storiche che celebreranno i 150 anni dell’Unità d’Italia dal 5 febbraio al 27 marzo a Cecina.

Protagonista dell’evento sarà la mostra “1861. L’anno che fu l’Italia” che verrà inaugurata sabato 5 febbraio alle ore 16 nella sala delle Esposizioni in Corso Matteotti 47: si potranno ammirare cimeli del periodo Risorgimentale, divise, armi, cimeli storici, giornali e riviste dell’epoca, documenti di rilevante importanza, e molte altre sorprese.

La cerimonia inaugurale si aprirà con l’arrivo davanti alla sede espositiva della Fanfara dei Bersaglieri dell’associazione Nazionale Bersaglieri, intervallati da una rievocazione storica a cura dell’Associazione Napoleonica d’Italia con soldati in uniforme austriaca, volontari toscani, soldati piemontesi e francesi del 1848 e 1859.

Il percorso espositivo della mostra presenta il periodo storico che va dal 1833 al 1870, e abbraccia tutto il processo risorgimentale, passando dal 1861 nel quale appunto si è costituita l’Italia stessa, fino all’annessione di Roma. Una prima sezione riguarda le battaglie di Curtatone e Montanara, nella quale parteciparono numerosi volontari toscani, specialmente studenti dell’Università di Pisa, e le famose due giornate di Livorno, nelle quali i cittadini scesero in piazza per opporsi agli oppressori stranieri; spazio anche alle battaglie di San Martino e Solferino, e Bezzecca, con cimeli storici. Inoltre è stata organizzata una sezione dedicata ai “Padri della Patria”: da Garibaldi a Mazzini, Vittorio Emanuele II e Camillo Benso di Cavour. Infine una sezione è stata dedicata alle arti come la musica e la pittura, dalla nascita dell’Inno nazionale alla storia del tricolore. La mostra, ad ingresso libero, sarà aperta fino al 27 marzo dal martedì alla domenica dalle ore 16 alle 20.

Nello stesso periodo la Sala delle Esposizioni ospiterà anche incontri, convegni e dibattiti con studiosi, rappresentanti delle istituzioni, scrittori e giornalisti:i temi che saranno affrontati sono quelli del Risorgimento e delle celebrazioni dei 150 anni ma ci sarà grande spazio anche alla storia locale. A chiudere la rassegna, domenica 27 marzo alle ore 18, sarà il concerto “Da Mameli a Verdi. I canti e la musica del Risorgimento”.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 2 Febbraio 2011. Filed under Cultura. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.