Belarghes: l’arte viaggia dall’Albania alla Toscana

Firenze – “Un artista non ha nazionalità”.

Parla così Belarghes, di professione scultore, nato a Valona, in Albania, dove a soli 10 anni inizia a frequentare lo studio di un noto scultore.

Nel 1977 entra al liceo artistico per studiare disegno libero e scultura e nell’84 si iscrive all’Accademia delle Belle Arti a Tirana, dove si laurea.

Arriva in Italia nel 2003 e da allora vive a Lastra a Signa, dove ha sede il suo laboratorio.

Proprio dalla sua esperienza di emigrante nasce la scultura in bronzo “Il Figliol Prodigo”, esposta nel Padiglione Italia alla 54a Esposizione Internazionale d’arte della Biennale di Venezia a Torino, dal 17 dicembre scorso.

Belarghes è stato invitato a partecipare a quest’importante evento dal noto critico d’arte Vittorio Sgarbi.

“Ci siamo conosciuti tramite il mio critico Marco Moretti, suo stretto collaboratore, che aveva già fatto vedere a Sgarbi alcuni dei miei lavori, tra cui il Figliol Prodigo, in occasione di una mostra a Siena. Da lì è nata l’idea di ingrandirla, portandola a 2 metri e 12 cm di altezza e realizzandola in bronzo fuso a cera persa, nella Fonderia di Franco Cipriani”.

Numerose le sue sculture, le mostre e i premi vinti nel corso degli anni, ma la passione di Belarghes per l’arte lo porta sempre a guardare avanti.

“Adesso sto lavorando alla figura del tenore Enrico Caruso – spiega –, alta 3 metri: la sto modellando in creta. Ma il mio sogno è quello di realizzare un monumento dedicato al poeta Mario Luzi, del quale esiste già un bozzetto”.

Un artista che coltiva la sua passione con grande dedizione e che non ha avuto particolari difficoltà ad integrarsi nel nostro Paese.

“Non ho avuto problemi nella vita quotidiana – dice – e dal punto di vista artistico ad aprirmi la strada è stata sicuramente la qualità dei miei lavori, ma anche le conoscenze fatte nel campo dell’arte”.

“Il Figliol Prodigo” resterà in mostra a Torino fino al 30 gennaio 2012.

Guarda il video dell’intervista a Belarghes:

La galleria fotografica di alcune sculture di Belarghes:

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency

Condividi il post

Posted by on 2 gennaio 2012. Filed under Cultura,In primo piano,Video. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

4 Responses to Belarghes: l’arte viaggia dall’Albania alla Toscana

  1. leonardo bolognini

    7 marzo 2012 at 19:19

    Bravissima Franca! Mi pèiace l’intervista fatta a Belarghes, uno scultore che però da noi ne abbiamo, ma non decollano. Comunque interessante il video e chissà se affondare nella Cultura non sia un bene e magari i nostri giovani estri , studenti dell’Istituto d’arte di Firenze, potrebbero fornire un piccolo contributo per la città di Firenze? Brava e grazie ancora di esserti interessata di una disciplina che sta quasi scomparendo. L.B.

  2. leonardo bolognini

    7 marzo 2012 at 19:19

    A tutte Felice 8 Marzo, !

  3. Nicoletta

    8 marzo 2012 at 10:15

    Grazie da tutte noi Leonardo! Ci offri l’occasione per mandare e tutte/i, malgrado tutto, un augurio perché oggi sia un giorno pieno di sorrisi! :)

  4. Franca

    8 marzo 2012 at 12:21

    Grazie Leonardo. Sono d’accordo con te quando dici che andrebbe dato più spazio all’arte, soprattutto a chi non è conosciuto: speriamo prima o poi qualcuno si renda conto di quanto sia importante la cultura. Un saluto e grazie anche degli auguri!!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>