Archivi

Aspiranti detective alla Casa Museo “Rodolfo Siviero” a Firenze

Firenze – Un museo dove per due fine settima si gioca a fare i detective.

Accade al Museo Casa Rodolfo Siviero a Firenze dove torna l’iniziativa “Detective nell’arte”.

Per chi ha figli o nipoti è l’occasione di offrire loro un modo nuovo di visitare un museo: non è necessario essere esperti; basta spirito di osservazione e curiosità.

Il patrimonio di Casa Siviero vale la visita anche per gli adulti: alle pareti opere di Giorgio De Chirico, Giacomo Manzù, Ardengo Soffici, Pietro Annigoni; e poi reperti etruschi, busti romani, oggetti in terracotta, tessuti antichi, armi antiche, e medaglie.

Da non trascurare, visti i tempi, che l’ingresso al museo e la partecipazione al gioco è gratuita. L’iniziativa rientra, infatti, nell’ambito della manifestazione “Amico Museo” organizzata dalla Regione Toscana.

Oltre a questo week end  l’iniziativa sarà ripetuta sabato 19 e domenica 20 maggio.

Non c’era museo più adatto per ambientare un giallo visto che Rodolfo Siviero è noto per essere stato lo “007 dell’arte”, cui si deve il recupero di moltissime opere che erano state trafugate dall’Italia durante il periodo della occupazione nazista.

Collezionista raffinato e amico di grandi artisti alla sua morte Siviero donò la sua casa, la sua collezione gli arredi, la biblioteca, alla Regione affinché diventassero un museo.

Ogni sessione del “Detective dell’Arte” dura un’ora e inizia con una presentazione dell’attività di Rodolfo Siviero.

Ai partecipanti vengono forniti una serie di indizi, risultati di una supposta indagine poliziesca. Su questa base i ragazzi devono individuare le opere di Casa Siviero che alcuni ladri intenderebbero rubare.

Al termine del gioco i giovani detective riceveranno in premio una medaglia.

Per la Notte dei Musei, la casa-museo di Siviero sarà visitabile in apertura straordinaria dalle 21 alle 24 di sabato 19 maggio.

Il Museo Casa Siviero è in Lungarno Serristori, 1 – 3.

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 5 Maggio 2012. Filed under Cultura. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *