Archivi

A Firenze in mostra i disegni di Michelangelo e Leonardo

(Articolo a cura di Domenico Coviello) Firenze – Sono stati considerati spesso come dei rivali. Ma invece guardarono l’uno all’opera dell’altro con grande e reciproco interesse. Così, adesso, una mostra cerca di unire Leonardo da Vinci e Michelangelo Buonarroti.

Dodici disegni del primo e dieci del secondo sono esposti uno accanto all’altro per una piccola ma preziosa mostra fiorentina, visitabile dal 20 aprile al 1° agosto alla Casa Buonarroti di via Ghibellina a Firenze.

È la mostra “La scuola del mondo. Disegni di Michelangelo e Leonardo a confronto”, a cura di Pietro C. Marani e Pina Ragionieri, frutto della collaborazione fra la Fondazione Casa Buonarroti di Firenze e la Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano.

Un preludio alla grande esposizione-evento di disegni di Leonardo e Michelangelo che si aprirà a Roma, ai Musei Capitolini, durante il prossimo mese di ottobre.

Il percorso espositivo fiorentino comincia da alcuni progetti eseguiti da Leonardo e Michelangelo per realizzare affreschi sul tema della Battaglia di Anghiari e di Cascina. Opere che i due artisti dovevano dipingere, a gara, nella Sala del Maggior Consiglio, oggi Salone dei Cinquecento, in Palazzo Vecchio a Firenze. I due capolavori non furono portati a termine, ma gli studi preparatori furono talmente ammirati da essere definiti da Benvenuto Cellini la “scuola del mondo”.

Dalla Biblioteca Ambrosiana sono giunti a Casa Buonarroti, oltre a due grandi disegni di Giovanni Antonio Boltraffio, dieci autografi di Leonardo, scelti in modo da rappresentare quasi tutte le tecniche grafiche da lui adottate.

I disegni di Michelangelo della Casa Buonarroti sono stati scelti, a cominciare da uno dei capolavori della Collezione, il celebre Nudo di schiena riferibile alla Battaglia di Cascina, anche con lo scopo di mettere in evidenza alcuni momenti salienti della biografia del Maestro.

Guarda la galleria delle foto della mostra:

Ti piace questo sito? Vorresti contenuti personalizzati anche per il tuo?
Allora vai su cosa facciamo o contattaci su O3 Web Agency
Posted by on 19 Aprile 2011. Filed under Cultura. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.